Aspetti della civiltà urbana a confronto. A Capalbio

La città come nucleo tematico comune ad artisti di varie generazioni. A Capalbio, per una collettiva che dura fino al 15 settembre. Quando il group show estivo è una mostra di qualità.

Christian Leperino - Il Frantoio, Capalbio 2013

Atmosfere cupe caratterizzano i grandi scenari urbani di Christian Leperino: spazi disabitati e desolanti in cui si stagliano alti palazzi lineari sovrastati da nuvole scure, cieli materici e pochi squarci di luce con effetti specchianti sugli asfalti. Davanti alle opere, tre sculture in cemento, ai lati due volti di espressionistica intensità. In sintonia con la poetica dell’artista, la Napoli del quadro-plastico di Susanne Kessler. Graziano Locatelli espone pannelli traslucidi percorsi da squarci profondi che, evocando le lacerazioni del tessuto urbano, rimandano a una visione della materia destrutturata e al contempo ricomposta. Tano Festa, Mimmo Rotella ed Emilio Prini concentrano in tre opere la propria interpretazione di aspetti parziali della medesima realtà.

Giulia Andioni

Capalbio // fino al 15 settembre 2013
Urban Image
IL FRANTOIO
Via Renato Fucini 10
0564 896484
www.frantoiocapalbio.com

CONDIVIDI
Giulia Andioni
Giulia Andioni (Roma, 1985) è storica dell’arte e guida turistica di Roma e provincia. Dopo la maturità classica, consegue la laurea triennale in Storia e conservazione del patrimonio artistico (con lode - tesi in Storia e tecnica del restauro) e quella specialistica in Storia dell’arte (con lode - tesi in Storia della critica d’arte) presso l’Università Roma Tre. Frequenta poi un master in tourism management e il Luiss Master of Art (III edizione) per approfondire le proprie conoscenze e contribuire alla realizzazione della mostra di fine corso “Osmosis”, frutto di un collettivo curiatoriale (Stazione Tiburtina, Roma). Dal 2013 scrive per Artribune e Artnoise (mostre e approfondimenti). Tra 2014 e 2015 ha svolto due stage: presso i Servizi educativi di Palaexpo (Palazzo delle Esposizioni e Scuderie del Quirinale) e nell’area della Promozione culturale della Galleria nazionale d’arte moderna e contemporanea, per la cui rivista online “Belle Arti 131” (n. 3/2014) ha redatto un saggio. Ha collaborato alle mostre “Azioni Antiche” e “Bengt Kristenson”.