Icastica 2013. Arezzo e la sua prima biennale

Diretta, immediata, icastica è l’arte che il curatore della biennale d’arte di Arezzo, Fabio Migliorati, ha selezionato per la prima edizione della rassegna (fino al 1° settembre). Una scelta funzionale sia al pubblico aretino, poco avvezzo al contemporaneo, sia all’esigenza, diffusa, di capire il significato di quel che si vede, subito o quasi. Basta insomma con i concettualismi, i titoli enigmatici, le azioni indecifrabili.

Carole Feuerman, Miniature. Serena

Protagoniste della prima biennale di Arezzo sono le “glocal women”, donne che agiscono globalmente esportando la cultura che appartiene loro e più in generale la femminilità che, nonostante il variare delle latitudini, trova tracce simili ed esigenze uguali. Le sedi sono più di una ventina, come anche le artiste invitate, tra cui Marina Abramovic, Kiki Smith, Yoko Ono, Tania Bruguera, Yin Xiuzhen, Shirin Neshat, Alicia Martin. Tre premi sono stati assegnati ai lavori di Raeda Sa’adeh, Monali Meher e Kaarina Kaikkonen da una giuria composta da esperti del contemporaneo e del patrimonio storico-artistico locale.
Come tutte le prime edizioni, tirare una somma e una linea che caratterizzi la biennale aretina, come ammette lo stesso curatore, è prematuro, anche perché si tratta di un esperimento che intende valutare anche il riscontro del pubblico locale. Si conserveranno nel tempo la ricerca di icasticità e il dialogo tra passato e presente, indispensabile quando si parla di arte in Italia, come dichiara il sindaco Fanfani e come aggiunge l’assessore Macrì: “Le radici vanno vitalizzate”.

Alicia Martin, Vortice, 2010
Alicia Martin, Vortice, 2010

L’intento funziona meglio in certi luoghi che in altri, anche perché spesso le necessità espositive delle opere d’arte contemporanea incontrano un forte limite nelle necessità conservative dei musei italiani. Vecchio problema, questo, che angoscia curatori di tutto il mondo intenti ad allestire dialoghi tra bizzarrie contemporanee e conservatorismo nazionale – talvolta poco motivato – delle nostre istituzioni. A volte invece le cose funzionano, come quando l’abilità di Migliorati si esprime nelle chiese di San Francesco e San Domenico, dove le opere di Heike Weber e Mona Hatoum sono  dirompenti nei temi, ma presentate in punta di piedi, con una capacità di scuotere il fruitore pur convivendo con certi meccanismi italiani di censura culturale e cultuale.
Funzionano anche le installazioni in città della Kaikkonen e della Martin. Nessun azzardo, niente di mai visto per chi segue il contemporaneo, ma un bel modo per riapprezzare l’arte del passato e del presente con un taglio un po’ meno elitario del solito, interessante sia per profani e neofiti che per addetti ai lavori. La selezione artistica è coerente ma talvolta troppo prudente, debole la mostra nell’unica sede deputata, la Galleria Comunale. Il riscontro è comunque molto positivo, tanti i buoni propositi per il futuro a cui vale comunque la pena di dare piena fiducia.

Federica Forti

Arezzo // fino al 1° settembre 2013
Icastica 2013 – Glocal Women
a cura di Fabio Migliorati
0575 3775008
[email protected]
www.icastica.it

CONDIVIDI
  • Il centro Storico di Arezzo è davvero una chicca! A partire dalla Chiesa di San Francesco con i magnifici affreschi di Piero della Francesca, passando per la monumentale Piazza Grande con le Logge del Vasari e la Pieve di Santa Maria, poi la Chiesa di San Domenico col crocifisso di Cimabue! Queste sono solo le principali attrazioni, ma Arezzo è davvero accogliente e piacevole da scoprire!
    In più a fine Agosto c’è anche il 61° Concorso Polifonico Internazionale, con concerti gratuiti in tutte le chiese più belle della Città! Se poi volete spostarvi un po’ per le bellissime cittadine toscane, Arezzo è perfetta come base di partenza.
    Arezzo / Cortona: treni disponibili ogni 30 min, bus disponibili per il centro di Cortona ogni ora.
    Arezzo / Pienza-Montepulciano: treni ogni 35 min. + 5min di autobus, ci si arriva in un ora.
    Arezzo / Firenze: treni ogni 30 min.
    Arezzo – Perugia: treni ogni ora.
    Arezzo – Siena: facilmente raggiungibile in autobus in un’ora e 20 minuti.
    Arezzo – Pisa: treni ogni ora per il centro di Pisa. In un’ora e 30 minuti si arriva a Pisa Centrale.
    Direi che vale davvero la pena..e adesso con Icastica ancora di più!

    Per ulteriori dettagli:
    https://www.facebook.com/incomingarezzo?fref=ts

    • io vivo ad arezzo e tutti i giorni apprezzo sempre di più ogni sua singola via

      • anchio vivo ad Arezzo e la amo mi sono trasferita li da piccola e ora mi sento un’ aretina al 100%. gli aretini sono generosi e sempre pronti ad accogliere, consiglio a tutti di visitare questa magnifica città

  • Arezzo è stupenda…

  • arezzo è stupenda

  • TI AMO FILO