Mostre e ricerche secanti. Franco Vaccari e Vito Acconci a Venezia

Due mostri sacri dell’avanguardia artistica, che hanno contribuito attraverso azioni e performance a scrivere la storia dell’arte contemporanea a partire dagli Anni Sessanta. Vito Acconci e Franco Vaccari in mostra a Venezia grazie alle gallerie Michela Rizzo (che gioca in casa) e P420 (Bologna). Fino al 7 settembre.

Vito Acconci - veduta della mostra presso Palazzo Pesaro Papafava, Venezia 2013

Intersections racconta i percorsi di Vito Acconci (New York, 1940) e Franco Vaccari (Modena, 1936) attraverso opere storiche e lavori più recenti, sottolineando le sovrapposizioni nella reciproca ricerca e le rispettive caratteristiche peculiari. Un percorso parallelo che non implica il diretto incontro fra i due. Lavori come le fototessere di Esposizione in tempo reale numero 4. Lascia una traccia fotografica del tuo passaggio di Vaccari, presente in Biennale nel 1972, che testimoniano l’interazione del pubblico con la Fotomatic lasciata dall’artista nel padiglione per stimolare l’azione partecipata. Oppure le installazioni ambientali con scale, pedane e pattini Design & Architecture (1988-present): Clothing/Tools & Utensils/Furniture & Interiors/Buildings/Streets & Plazas/Outlands/Vehicles di Acconci, dove il fruitore agisce con il proprio peso, il proprio gesto ed equilibrio con l’opera. Questo il parallelismo fra le due pratiche: l’inclusione del pubblico che contribuisce alla costruzione di senso dell’opera attraverso il gesto diretto, o coinvolgimento emotivo, dove l’artista è innesco e regista occulto.   

Neve Mazzoleni

Venezia // fino al 7 settembre 2013
Vito Acconci / Franco Vaccari – Intersections
a cura di Valerio Dehò
PALAZZO PESARO PAPAFAVA
Cannaregio 3764
http://www.galleriamichelarizzo.net/
http://www.p420.it/

CONDIVIDI
Neve Mazzoleni
Neve Mazzoleni ha una laurea in Lettere Moderne - Storia e Critica delle Arti conseguita all'Università degli Studi di Milano, un master in Management of Art and Culture della Trentino School of Management e un master in Social Innovation, Social Business & Project Innovation (MES) di ASVI Social change. Dal 2006 lavora per UniCredit come art manager e curatrice della collezione corporate. Scrive per il Giornale delle Fondazioni, Arte&Impresa, CheFare. Ha scritto per Fizz, Tafter e Doppiozero. È iscritta alla seconda laurea in Filosofia all'Università degli Studi di Milano.