Fotosensibilità. Nicola Martini e Carlo Mollino da Kaufmann Repetto

La galleria Kaufmann Repetto di Milano cambia volto. Il luogo d’assemblea ricercato da Martini diventa scultura aderente alla superficie. Gli spazi vuoti servono per innescare reazioni, trasformazioni della materia. Mentre alcune polaroid di Mollino tornano alla loro notte. Fino al 30 luglio.

Carlo Mollino, Untitled, polaroid, cm 8 x 10,5, Courtesy: Museo Casa Mollino and kaufmann repetto, Milano

Nicola Martini (Firenze, 1984) intitola la sua prima personale (in una galleria privata) Sippe. Il significato di ‘Sippe’ è ‘famiglia’, sebbene sia da intendersi più precisamente come nucleo sociale di individui che si riconoscono nella discendenza da un antenato comune, e pertanto una famiglia in senso lato. Tradotto nella prassi formale del giovane artista, la Sippe diventa un luogo in cui i rapporti tra opera e spazio per l’opera si fondono per spingersi verso il terzo polo della materia. Martini, infatti, ha imbevuto la quasi totalità delle pareti con il bitume, asfalto fotosensibile, utilizzato per impressionare la luce e per far risaltare la purezza delle sue nuove sculture, fusioni di colofonia con cera microcristallina, e vetro con sabbia quarzifera.

Nicola Martini - Sippe - veduta della mostra presso kaufmann repetto, Milano 2013
Nicola Martini – Sippe – veduta della mostra presso kaufmann repetto, Milano 2013

In parallelo, la Kaufmann Repetto dedica a Carlo Mollino (Torino, 1905-1973) una galleria di ritratti, un corridoio costellato di notturni. Come la Sippe di Martini, anche le polaroid dell’istrionico architetto oscurano e, allo stesso tempo, risplendono alle pareti, rianimando attrici immerse nella posa del momento. Superfici che con gli anni e con la luce vireranno la pellicola sulla quale sono impresse.

Ginevra Bria

Milano // fino al 30 luglio 2013  
Nicola Martini – Sippe
Carlo Mollino – Polaroid
KAUFMANN REPETTO
Via di Porta Tenaglia 7
02 72094331

[email protected] 
www.kaufmannrepetto.com

CONDIVIDI
Ginevra Bria
Ginevra Bria è critico d’arte e curatore di Isisuf – Istituto Internazionale di Studi sul Futurismo di Milano. E’ specializzata in arte contemporanea latinoamericana. In qualità di giornalista, in Italia, lavora come redattore di Artribune e Alfabeta2. Vive e lavora a Milano.
  • Angelov

    Le foto polaroid di Carlo Mollino sono bellissime, ma purtroppo di formato ridottissimo, da doversi guardare con una lente.

    Per l’istallazione di Nicola Martini, No Comment: non ho la fantasia di un critico di professione, per poterla commentare.