Alla ricerca di un senso d’orientamento. I piccioni di Filippo Leonardi

Gli animali compaiono spesso nei lavori degli artisti contemporanei. C’è chi li seziona, c’è chi li impaglia e c’è pure chi ne riscopre la naturale ricchezza. Come fa ad esempio Filippo Leonardi. Alla Marsèlleria, fino al 7 aprile.

Filippo Leonardi - Freevolo - veduta della mostra presso Marsèlleria, Milano 2013

Tre foto, una scultura sospesa, un video e una performance: sono pochi gli ingredienti proposti da Marsèlleria per raccontare la ricerca artistica di Filippo Leonardi (Catania, 1970), che dalla sua Sicilia eredita un bel paio di baffetti e uno smisurato amore per le sorti e le gesta dei colombi viaggiatori, protagonisti principali del suo lavoro. In effetti, nelle stanze della galleria milanese l’incuriosito visitatore potrebbe avere l’impressione di trovarsi di fronte a uno studio ben documentato di un giovane biologo, ma a ben vedere ogni elemento rimanda a un universo sconosciuto che, come in una favola di Esopo, prova a spiegare a tutti noi il carattere malinconico dell’essere messaggeri e del viaggio infinito della ricerca di sé, fatto di partenze, di sogni chiusi in gabbia e desideri messi a maturare in cattività.

Perché poi l’aspetto più interessante di questo esperimento zoologico applicato all’arte sta tutto nella principale e irrinunciabile caratteristica propria dei piccioni, creature davvero meravigliose, nella cui testa c’è un solo e irrinunciabile progetto: ritornare sempre a casa.

Max Mutarelli

Milano // fino al 7 aprile 2013
Filippo Leonardi – Freevolo
MARSÈLLERIA         
Via Paullo 12a
02 76394920
[email protected]
www.marselleria.com

CONDIVIDI
Max Mutarelli
Massimiano Mutarelli nasce nella primavera del 1977 a Lambrate, quartiere storico di Milano. A vent’anni, con l’iscrizione all’Accademia di Brera, corona il sogno di poter entrare nel magico mondo dell’Arte. In realtà è un periodo turbolento, sospeso fra gli esami ed i primi lavori da redattore, di giorno, e di barista, la notte, ma nonostante tutto riesce a prendere quelle poche gocce di splendore che l’accademia riesce a regalare: grazie ad Alberto Garutti ed a Francesco Poli affina le proprie conoscenze intorno al cruciale mondo dell’arte contemporanea, mentre continua a scrivere per alcune testate sul web. Laureatosi in Arti Visive con una tesi sul rapporto fra politica e fascismo, dopo un master in pedagogia dell’arte sta cercando di concludere il suo percorso di studi specializzandosi in Discipline artistiche ed archeologiche presso l’Università di Verona, sempre alternando i libri alle docenze occasionali in vari master universitari, alle collaborazioni con riviste ed alla gestione di un noto pub all’avanguardia
  • Angelov

    Ed è infatti uno degli enigmi irrisolti, e forse irrisolvibili, per la Scienza questo del “Ritorno” dei piccioni viaggiatori, ed il loro sistema di orientamento nello spazio.
    Una ricerca artistica come questa contribuisce, se non a svelarne il mistero, forse almeno a farne intuire una soluzione.