Aderenze fluide. Rüthemann nel nuovo spazio di Peep-Hole

Peep-Hole alla Fonderia Battaglia ospita la prima personale italiana di uno dei più visionari tra gli artisti contemporanei svizzeri: Kilian Rüthemann. Due installazioni occupano le due sale, creando, a terra, discontinuità di superficie e strutture fluide di scorrimento. A Milano, fino all’11 maggio.

Kilian Rüthemann, Untitled (Black cover), 2013 - veduta dell’allestimento presso Peep-Hole, Milan0 - courtesy RaebervonStenglin, Zurigo

Kilian Rüthemann (Bütschwil, 1979; vive a Basilea) occupa il nuovo spazio di Peep-Hole a Milano, facendo aderire al pavimento industriale di via Stilicone due installazioni che rivestono, quasi completamente, la superficie a terra dell’ex fonderia. White carpet e Black cover ripercorrono solo in parte il percorso scultoreo performativo di un artista postminimalista come Rüthemann, ma hanno il pregio di infondere in chi visita il percorso l’esatta ricorrenza pragmatica che contraddistingue la lavorazione di materiali industriali come il catrame e il PVC, da lui utilizzati come unità di misura architettoniche. Parallelamente, la mostra presenta anche una selezione di libri e materiali dell’archivio del Sitterwerk, fondazione creata dalla fonderia artistica Kunstgiesserei di San Gallo, in risposta al contesto in cui opera Peep-Hole.

Ginevra Bria

Milano // fino all’11 maggio 2013
Kilian Rüthemann – Fit
PEEP-HOLE @ FONDERIA BATTAGLIA
Via Stilicone 10
345 0774884
[email protected]
www.peep-hole.org

CONDIVIDI
Ginevra Bria
Ginevra Bria è critico d’arte e curatore di Isisuf – Istituto Internazionale di Studi sul Futurismo di Milano. E’ specializzata in arte contemporanea latinoamericana. In qualità di giornalista, in Italia, lavora come redattore di Artribune e Alfabeta2. Vive e lavora a Milano.