Accomodatevi su ’a seggiulell. L’invito di De Dominicis (Diego)

Come soldatini, una schiera di sedie impagliate invade gli spazi napoletani della Galleria PrimoPiano, evocando ricordi di un’infanzia appena trascorsa e di tradizioni ormai sopite. Fino al 4 maggio.

Diego De Dominicis, Allarià. Take the air, 2013 - courtesy HPG PrimoPiano, Napoli

Come in un “gioco al rimando”, Diego De Dominicis (classe 1982) affida ai ricordi dell’infanzia, trascorsa in un piccolo borgo dell’avellinese, la verve poetica della sua ricerca: l’armamentario de ’o scarparo, le vesti del chierichetto, le tracce del terremoto e così via. Ognuno di questi rimandi evocativi è intrecciato a maglia stretta ai fili di paglia di una magica sediolina. ’a seggiulell viene assurta a topos iconoclastico, segno vernacolare di un’infanzia già divenuta ricordo e di una tradizione “paesana” che inesorabilmente si perde.
Denuncia, dunque, di una sempre più incalzante massificazione che fagocita i segni di un’“Italia che era”? Può darsi. Ciò che è certo, e che l’artista tiene a rimarcare, è che lo sguardo sul passato/tradizione è svolto con approccio ludico: “È un gioco, il mio”. Non melanconia, i ricordi restano più vividi quando intrecciati col sorriso.

Luigi Rondinella

Napoli // fino al 4 maggio 2013
Diego De Dominicis – ‘a seggiulell
a cura di Antonio Maiorino
PRIMOPIANO
Via Foria 118
081 19560649
[email protected]
www.primopianonapoli.com

CONDIVIDI
Luigi Rondinella
Luigi Rondinella (Caserta, 1981) è architetto, dottore di ricerca in conservazione dei beni architettonici, critico d’arte e curatore. Gestisce collaborazioni tra tecnici ed artisti per lo svolgimento di indagini sul “recupero culturale” del territorio al fine di riversare in modo eclettico attenzioni sui disagi culturali e territoriali dei contesti antropizzati campani, elaborando trasversalmente il concetto di “trasformazione”, indagato nelle sue potenzialità compositive ed espressive. Ha curato numerose mostre, tra cui: le personali: Angelo Maisto (Aversa (CE), 2011), Pietro Montone (Aversa (CE), 2010), Raffaele Bova. Instant Show per la Seconda Università di Napoli (Napoli, 2010), Vittorio Ciccarelli (Aversa (CE), 2010), Charlotte Sørensen (Aversa (CE), 2010); le collettive: Il collettivo Linea Continua Terra di lavoro (Caserta, 2011), A di A - A di arte A di architettura per l’Ordine degli Architetti di Caserta e Provincia (Caserta, 2010). Ha scritto per testate nazionali, è curatore della sezione arte della rivista dell’Ordine degli Architetti di Caserta. Dal 2011 collabora con Artribune.