Nel gabinetto dell’artista. Gli esperimenti di Salvatore Arancio

Titoli che evocano racconti, allestimenti come in un museo di scienze naturali, immagini a metà tra fantasy e botanica. E poi un viaggio misterioso tra volatili tassidermizzati. Sono gli esperienti di Salvatore Arancio, per la sua seconda personale da Federica Schiavo. A Roma, fino al 16 marzo.

Salvatore Arancio, Bear's Head, 2012

La dialettica tra linguaggio epistemologico, suggestioni storiche e immaginario estetico continua a guidare la ricerca di Salvatore Arancio (Catania, 1974; vive a Londra). Gioiello della nuova personale da Federica Schiavo è Birds, girato in Super 8 al Museo di Zoologia di Bologna. La camera di sofferma, lentissima, sui volatili di un’antica collezione di ornitologia. Postproduzione raffinata e inquadrature giocate fra sospensione e mistero; straniante la soundtrack, un pezzo psichedelico di Expo ‘70, che precipita in un vuoto cavernoso le immagini polverose, sdrucite.
Le sculture, sui loro basamenti, rimandano alle classificazioni di un museo di scienze naturali. Creature mutanti, rocce aliene, funghi, organismi fallici, balzati fuori – didascalicamente – dalle pagine alterate di manuali botanici: sacrificando troppo l’ambiguo in favore del seduttivo, cristallizzano l’energia dell’informe in una forma estetizzante. Raffreddandosi. Più poetico il film, così come le vecchie incisioni o certe grafiche dal sapore letterario: immagini che vibrano, nel prodigio di deviazioni sottili, orientate al capovolgimento. Senza forma, né tempo, né geografie. Sempre sfuggendo, con grazia vivissima.

Helga Marsala

Roma // fino al 16 marzo 2013
Salvatore Arancio –
The Little Man of the Forest with the Big Hat
FEDERICA SCHIAVO
Piazza Montevecchio 16
06 45432028
federica@federicaschiavo.com
www.federicaschiavo.com

CONDIVIDI
Helga Marsala
Helga Marsala è critico d'arte, giornalista, notista culturale e curatore. Insegna all'Accademia di Belle Arti di Roma. Collaboratrice da anni di testate nazionali di settore, ha lavorato a lungo come caporedattore per la piattaforma editoriale Exibart. Nel 2011 è nel gruppo che progetta e lancia la piattaforma Artribune, dove ancora oggi lavora come autore e membro dello staff di direzione. Svolge un’attività di approfondimento teorico attraverso saggi e contributi critici all’interno di pubblicazioni e cataloghi d’arte e cultura contemporanea. Scrive di arti visive, arte pubblica e arte urbana, politica, costume, comunicazione, attualità, moda, musica e linguaggi creativi contemporanei. È stata curatore dell’Archivio SACS presso Riso Museo d'arte contemporanea della Sicilia e membro del Comitato Scientifico, collaborando a più riprese con progetti espositivi, editoriali e di ricerca del Museo. Cura mostre e progetti presso spazi pubblici e privati in Italia, seguendo il lavoro di artisti italiani ed internazionali.