John Henry Newton. In caso di pioggia

La galleria Frutta ribadisce la sua linea “vitaminica” con la personale di un giovane e promettente artista inglese. Rapidità, leggerezza e quotidianità. Perché nella vita tutto è last minute. Persino gli ombrelli, se dovesse mettersi a piovere. A Roma, fino al 6 aprile.

John Henry Newton – Maximum quality for everyday - veduta della mostra presso Frutta Gallery, Roma 2013

Giovane e spigliato, John Henry Newton (Swindon, 1988; vive a Londra) si dimostra a suo agio negli spazi – angusti ma stimolanti – della galleria Frutta. Il titolo scelto per questa personale romana, che è Maximum quality for everyday, riflette le sue intenzioni. Come altri artisti della sua generazione, Newton guarda in termini scanzonati all’estetica del ready made, attingendo al pop e rifuggendo austerità di matrice minimal-conceptual. Dominano rapidità, leggerezza e quotidianità. Tra wall painting raffiguranti carta straccia e ritratti di tifosi realizzati col nastro adesivo, in galleria trovano posto ombrelli venduti last minute in caso di pioggia, e spillette per operatori dei ristoranti McDonald’s in servizio (inequivocabilmente) nella Città Eterna. Marcel Duchamp è uno di noi e con lui si può girovagare (anche per Roma) a passo svelto.

Pericle Guaglianone

Roma // fino al 6 aprile 2013
John Henry Newton – Maximum quality for everyday
FRUTTA GALLERY
Via della Vetrina 9
06 68210988

[email protected]
www.fruttagallery.com

CONDIVIDI
Pericle Guaglianone
Pericle Guaglianone è nato a Roma negli anni ’70. Da bambino riusciva a riconoscere tutte le automobili dalla forma dei fanali accesi la notte. Gli piacevano tanto anche gli atlanti, li studiava ore e ore. Le bandiere erano un’altra sua passione. Ha una laurea in storia dell’arte (versante arte contemporanea) ma è convinto che nessuna immagine sia paragonabile per bellezza a una carta geografica. Da qualche anno scrive appunto di arte contemporanea e ha curato delle mostre. Ha un blog di musica ma è un pretesto per ingrandire copertine di dischi. Appena può si fionda in qualche isola greca. Ne avrà visitate una trentina.
  • Oscar balla

    L’inutilita’, altro che vitaminica.

  • Michele

    ma che tristezza.