Il resto di ogni guerra

A quasi un anno dall’allestimento al Maxxi di Roma, il percorso fotografico “To Face” di Paola De Pietri si mostra in Triennale a Milano. Il silenzio di vecchie trincee modula ogni dettaglio, tra nebbie, rocce e abeti, colti lungo il fronte italo-austriaco. Fino al 1° aprile.

Paola De Pietri - To Face - veduta della mostra presso la Triennale, Milano 2013

In Triennale, nella sala raccolta dell’Impluvium, le fotografie esposte di Paola De Pietri (Reggio Emilia, 1960) sono una dozzina. Perfettamente adagiate al titolo To face, le immagini alle pareti si presentano dirette, chiuse in silenzi di pietra e all’interno di una natura contesa. Tra la memoria del passato e il presente dimentico. Il percorso è stato realizzato dalla De Pietri lungo due anni di ricerche, svolte ripercorrendo il fronte italo-autriaco della Prima guerra mondiale. Avvallamenti, trincee, combattimenti, urla e spari giacciono dietro coltri di nebbie e improvvisi mutamenti geologici, elementi che conferiscono al paesaggio la forma di un’aurea salma sedimentaria. Una presenza che guida l’occhio dello spettatore a farsi strada velocemente, verso punti di fuga lucidi, e senza scampo. Frontali.

Ginevra Bria

Milano // fino al 1° aprile 2013  
Paola De Pietri – To Face
a cura di Roberta Valtorta
TRIENNALE DI MILANO
Viale Alemagna 6
02 724341
[email protected]
www.triennale.it

CONDIVIDI
Ginevra Bria
Ginevra Bria è critico d’arte e curatore di Isisuf – Istituto Internazionale di Studi sul Futurismo di Milano. E’ specializzata in arte contemporanea latinoamericana. In qualità di giornalista, in Italia, lavora come redattore di Artribune e Alfabeta2. Vive e lavora a Milano.