Ettore Favini, farfalle e palline

L’allure ecologica di Ettore Favini approda al Pastificio Cerere. Dove Marcello Smarrelli lo invita a sviluppare due progetti, dalla e nella città. Fino al 5 aprile, fra il Pastificio Cerere e Roma.

Ettore Favini - Pastificio Cerere, Roma 2013

Un distributore di palline. All’interno, semi di piante destinati a chiunque voglia prenderle. Non è un gioco, ma è Ettore Favini (Cremona, 1974) che approda al Pastificio Cerere con la mostra Verdecuratoda…voi e Volano farfalle sulla città pulita (nell’ambito del progetto Postcard from…) a cura di Marcello Smarelli.
La sua indagine, in chiave ecologica, trasforma l’arte in responsabilità sociale, mentre la città è il luogo dove prende corpo un lavoro volto alla sensibilizzazione. L’ecologia è dunque il tema principale, l’atto di civiltà che ognuno può e deve compiere. Le specie arboree poste nel cortile del Pastificio sono, oltre che un’installazione, la risposta concreta all’ipotesi di un ripristino del rapporto uomo/natura.

Ettore Favini - Pastificio Cerere, Roma 2013
Ettore Favini – Pastificio Cerere, Roma 2013

Il progetto Postcard from… si pone come proseguimento ideologico della mostra, con l’intento di stabilire un legame fra arte e città mediante interventi su alcuni cartelloni pubblicitari. Un lavoro, questo, che conferma la profonda attualità dell’arte di Favini, uomo del suo tempo, coinvolto e coinvolgente.

Alessandra Fina

Roma // fino al 5 aprile 2013
Ettore Favini – Verdecuratoda… voi
a cura di Marcello Smarrelli
PASTIFICIO CERERE
Via degli Ausoni 7
0645422960
[email protected]
www.pastificiocerere.com

CONDIVIDI
Alessandra Fina
Vive a Roma. Ha conseguito la laurea magistrale in Curatore d’arte contemporanea presso l’Università La Sapienza. Ha curato mostre in spazi pubblici e privati (Villa Torlonia, Caffè Letterario Roma ecc). Ha lavorato presso Palazzo delle Esposizioni come operatore didattico e addetta all’accoglienza. Ha partecipato alla redazione del testo Europa – America 1945 – 1985, una nuova mappa dell’arte a cura di Carla Subrizi e del catalogo della mostra Sguardi Multipli. Rassegna Nazionale di Arti Visive (Palazzo San Bernardino, Cosenza – Castello Estense, Ferrara). Ha collaborato con l’ufficio stampa Novella Mirri e Maria Bonmassar. Attualmente si occupa di comunicazione e public relation e collabora con importanti testate di settore: Artribune e Tafter.
  • Marta

    Bellissimo questo progetto!!! Finalmente un’iniziativa intelligente che spinge a portare la nostra attenzione su un tema delicato e importante, quello della sostenibilità e dell’ecologia, ormai indispensabili per concepire lo sviluppo e la cura delle nostre città! Costruiamo insieme questa scultura vegetale!