Stéphane Blumer e l’analisi del linguaggio

Dopo la recente partecipazione alla London Art Fair (con La Scatola Gallery) e la prima presentazione in Italia del suo lavoro ad Arte Fiera a Bologna, l’artista svizzero inaugura la prima personale in una galleria italiana. Con performance. Alla BY gallery di Milano fino al 15 marzo.

Stéphane Blumer - Epi(deixis) - immagine della performance Ellipsis (Shave#4) presso BY gallery, Milano 2013

Per la mostra EPI(DEIXIS) Stéphane Blumer (Ginevra, 1985) presenta due “capitoli” del suo lavoro: la serie Emoticons, versioni tridimensionali delle famose faccine, e Inter[…]Views, insieme di interviste a cui è sottratto il senso comunicativo originario. Completa la mostra Ellipsis (Shave #4), performance realizzata durante la serata inaugurale nella quale tre punti di sospensione insolitamente pelosi sono stati letteralmente rasati dall’artista, nel tentativo di richiamare alla mente lo spoglio di significato che la comunicazione quotidiana subisce. Epi(deixis) è un titolo ironico: è Blumer stesso che ci dice qualcosa senza parlare, è sottrazione che riempie. Lo spazio della BY gallery sembra più grande, pieno di tutto quel vuoto. Di fronte alla familiarità di quei simboli neri appesi in serie alle pareti, si percepisce quanto siano intrisi di potenziale comunicativo e si avverte un confuso e inaspettato sentore di proiezione emozionale.

Simone Monsi

Milano // fino al 15 marzo 2013
Stéphane Blumer  – EPI(DEIXIS)
BY GALLERY
Via Garofalo 31
02 36750934
[email protected]
www.bygallery.it

CONDIVIDI
Simone Monsi
Simone Monsi vive tra l’Italia e Londra, dove lavora come artista e collabora a diverse pubblicazioni con recensioni e testi critici. Si interessa delle relazioni tra arte e nuove tecnologie e delle tensioni che si possono creare tra esperienza online e offline. È appassionato di internet culture, anime e YBAs. Viaggia alla continua ricerca di Damien Hirst, anche se non ha ancora deciso cosa dirgli quando lo incontrerà. Sogna di scrivere un libro sui cartoni animati giapponesi e odia gli aeroporti. Ha lavorato presso l’ufficio stampa di Frieze Art Fair a Londra e come assistente al corso di Arti Visive a NABA, Milano. È laureato in Storia dell’arte contemporanea e Nuovi media e al momento frequenta l’MFA Fine Art a Goldsmiths, Londra.