Simon Roberts o la tassonomia del british

La milanese mc2 espone due progetti recenti del fotografo inglese: “Pierdom”, reportage sui moli caratteristici della costa britannica, ed esemplari da “XXX Olympiad”, scatti dai giochi londinesi della scorsa estate. Simon Roberts in mostra fino al 22 febbraio.

Simon Roberts, Olympiad, 2012, courtesy mc2gallery Milano

La peculiarità di Simon Roberts (South Croydon, 1974; vive a Brighton) nasce da un chiasmo geografico. Se gli elementi formali (quadro frontale, focus sull’oggetto, pulizia compositiva) e teoretici (le dinamiche storiche e socio-economiche indagate attraverso le varianti architettoniche e umane) ricordano la Scuola di Düsseldorf, le foto in mostra da mc2 non potrebbero essere più british.
I pierdom, lunghi pontili coperti di caffè e casinò e poi luna park e negozi, sono caratteristici del paesaggio costiero inglese dall’epoca vittoriana fino all’attuale generale abbandono e addirittura iconici nel caso del fu West Pier di Brighton. British sono la dominante magenta, colore simbolo dell’edizione XXX, e ancor più i monumenti londinesi sullo sfondo di campi e piste in Olympiad. Due serie legate a comporre un “Britannia anno zero”: da una parte l’avanzare della marcescenza sui segni di un passato imperiale e coloniale sempre più remoto, dall’altra il primo evento planetario in terra inglese del millennio mentre finivano boom e New Labour e esplodevano i riot.

Alessandro Ronchi

Milano // fino al 22 febbraio 2013
Simon Roberts – Pierdom
MC2 GALLERY
Viale Col di Lana 8
02 87280910
[email protected]
www.mc2gallery.com

CONDIVIDI
Alessandro Ronchi
Alessandro Ronchi (Monza, 1982) è critico d’arte e giornalista culturale. Si interessa specialmente di arte dalle origini alla contemporaneità, iconografia, cinema, letteratura, musica e pop culture. Ha diretto il mensile Leitmotiv e collabora con testate giornalistiche, website e gallerie. Tiene corsi di cinema e cultura visiva presso istituti scolastici. Fa parte dello staff redazionale di Artribune dalla fondazione nel 2011.