Un bacio, per precipitare

Prospettive distorte e ritmi vertiginosi, volgarità esibita e lirismo celato sono le chiavi di una pittura rumorosa, dove le figure sono esasperate e i colori si accendono nel turbine degli elementi. A Milano, negli spazi di Federico Rui, fino al 25 gennaio.

Enrico Robusti, Acque tremule, 2012, courtesy dell’artista

È l’anno delle coppie, per Enrico Robusti (Parma, 1957): uomini e donne inquieti, sull’orlo di precipizi fisici e dell’anima, che non nascondono mostruosità cadaveriche neppure di fronte alla torta di panna nuziale. Personaggi dalle mani che sembrano artigli e dai volti declinati in urla di dolore. Ma uomini e donne che al tempo stesso si incantano tra vortici di lucciole e fiorellini azzurri e che, su un divano sghembo, sognano un po’ di tenerezza.
I quadri di Robusti non rassicurano, non ammaliano con belle forme e cromatismi equilibrati, anzi: mettono in scena un’umanità sconvolta, un teatro grottesco davanti al quale la ripresa distorta dà un senso di vertigine, un disorientamento che ci scaraventa dentro la tela, che ci fa sentire urla e sussurri, odori e consistenze di un’immersione onirica che lascia un po’ di fiatone. Per poi placarsi con la pigrizia del gatto rosso addormentato, mentre lei legge Kiss me.

Marta Santacatterina

Milano // fino al 25 gennaio 2012
Enrico Robusti – Kiss me
a cura di Camillo Langone
FEDERICO RUI
Via Turati 38
392 4928569
[email protected]
www.federicorui.com

 

CONDIVIDI
Marta Santacatterina
Marta Santacatterina è giornalista pubblicista e dottore di ricerca in Storia dell'arte, titolo conseguito presso l'Università degli Studi di Parma. È editor freelance per conto di varie case editrici e, dal 2015, ricopre il ruolo di direttore sia di Fermoeditore sia della rivista online della stessa casa editrice, "fermomag", sulla quale cura in particolare le rubriche dedicate all'arte e alle mostre. Collabora con "Artribune" fin dalla nascita della rivista, nel 2011.