Schermi scissi da Riccardo Previdi

Riccardo Previdi, alla sua terza personale milanese, alla Galleria Minini, interseca installazioni e sculture come epifanie digitali. La superficie trasformista dei display diventa accezione di espressioni falsate e interrotte. La comunicazione umana si spacca. Fino al 30 gennaio.

Riccardo Previdi - Broken display - veduta della mostra presso la Galleria Francesca Minini, Milano 2012

Cosa potrebbe succedere alla riproduzione artificiale della realtà e agli scambi comunicativi umani di ogni giorno, qualora qualsiasi schermo dovesse, improvvisamente, rompersi? Spinto da questa domanda Riccardo Previdi (Milano, 1974; vive a Berlino) allestisce Broken display e compie la propria ricerca etimologica sul significato del displicāre. In galleria, installazioni, sculture e dipinti utilizzano le superfici iconiche degli schermi per disturbare, per inviare l’ultimo segnale di interruzione dei programmi. Come durante un’infinita tempesta elettromagnetica, in sala appaiono televisori sezionati e schermi come tessuti plissè. Invitando chiunque non consideri elemento fondativo delle nostre vite la mera superficie a supporto del dispiegamento dei pacchetti di dati, a ricredersi.

Ginevra Bria

Milano // fino al 30 gennaio 2013
Riccardo Previdi – Broken display
FRANCESCA MININI
Via Massimiano 25
02 26924671
[email protected]
www.francescaminini.it

CONDIVIDI
Ginevra Bria
Ginevra Bria è critico d’arte e curatore di Isisuf – Istituto Internazionale di Studi sul Futurismo di Milano. E’ specializzata in arte contemporanea latinoamericana. In qualità di giornalista, in Italia, lavora come redattore di Artribune e Alfabeta2. Vive e lavora a Milano.