Cristian Chironi: reperti di una performance

Nelle sale della Galleria Biagiotti a Firenze, in esposizione strumenti e prodotti di atti performativi. Ma anche documentazioni video-fotografiche, e molteplici inviti a diventarne noi gli sperimentatori. Fino al 9 febbraio.

Cristian Chironi, Cross Over, veduta della mostra presso Biagiotti Progetto Arte, Firenze 2012 - Photo Francesco Niccolai

L’arte di Cristian Chironi (Nuoro, 1974; vive a Bologna) nasce come performance sulle pagine di un libro illustrato. Il gioco è semplice come quello d’un bambino, ma al contempo metodico, quasi ossessivo. Il ritaglio, la piegatura sulla pagina, non ne svuotano il discorso, ma scavano piuttosto alle sue radici. E come la performance Cutter dimostra, l’obiettivo finale è una (ironica) immersione nelle profondità semantiche.
Per chi ne avesse già fatta l’esperienza live, l’allestimento proposto da Biagiotti potrebbe deludere un poco, sulle prime. Questi reperti e documenti di un’azione ormai passata, appaiono freddi, vuoti. Ma se da un lato gli “scarti” del cutting si riscattano in complesse e intriganti composizioni in plexiglas, gli stessi libri d’artista messi “a riposo” dopo la performance, invitano alle esplorazioni di altri occhi e altre mani. Il senso, torna a essere una riscoperta.

Simone Rebora

Firenze // fino al 9 febbraio 2013
Cristian Chironi – Cross Over
BIAGIOTTI PROGETTO ARTE
Via delle Belle Donne 39/r
055 214757
[email protected]
www.artbiagiotti.com

CONDIVIDI
Simone Rebora
Laureatosi in Ingegneria Elettronica dopo una gioventù di stenti, Simone capisce che non è questa la sua strada: lascia Torino e si dedica con passione allo studio della letteratura. Novello bohémien, s’iscrive così alla Facoltà di Lettere a Firenze, si lascia crescere i capelli, cambia guardaroba e conclude il suo percorso con una tesi sul Finnegans Wake e la teoria della complessità. Perplesso e stranito dal gravoso delirio filosofico, precipita nel limbo del mondo giornalistico, impiegato presso una piccola agenzia di stampa. È qui che inizia suo malgrado a occuparsi di arte, trovando spazio su riviste quali “Artribune” ed “Espoarte”, e scrivendo per l’inserto culturale del (defunto) “Nuovo Corriere di Firenze”. Attualmente vive a Verona, per un PhD in Scienze della Letteratura. Non vede l’ora di lasciarsi tutto ciò alle spalle.
  • Un artista molto bravo!

  • andiamo oltre il solito “mi piace”. Perchè molto bravo? Perchè opere di qualità?
    Grazie

  • adelaide

    non ho visto la mostra fiorentina ma spero di riuscire a farlo. chironi è un artista che dal punto di vista performativo mi ha sempre convinto, il lavoro di sovrapposizione e fusione tra figura umana e immagine che ha portato avanti in molte performance è molto interessante e visivamente molto forte.