Una reale realtà. A Salerno

Centro di un discorso che impegna l’artista a costruire nuovi ponti con il mondo, la realtà è il nucleo della nuova collettiva proposta negli spazi della Galleria Tiziana Di Caro. A Salerno, fino al 7 dicembre.

Reality Show - veduta della mostra presso la Galleria Tiziana di Caro, Salerno 2012

È manifesto che un mondo, per quanto diverso sia pensato da quello reale, pure deve avere in comune con il mondo reale qualcosa, una forma”. Questa frase di Wittgenstein pare fare da viatico a una recente mostra che evidenzia, attraverso il lavoro di 11 artisti, i segni di una pagina creativa che recupera il reale, fonda una nuova comunicazione, stabilisce partecipazioni differenti che la società non può concepire. Sguardo diretto su una realtà sommersa e su un richiamo irresistibile al quotidiano, Reality Show, questo il titolo della collettiva pensata e organizzata negli spazi della Galleria Tiziana Di Caro, mostra allora alcune declinazioni di un discorso che riconquista le trame di uno spazio irrinunciabile che si chiama vita.

Antonello Tolve

Salerno // fino al 7 dicembre 2012
Reality Show
a cura di Stanislao Di Giugno
artisti: Alfredo Pirri, Alessandro Piangiamore, Ignacio Uriarte, Caterina Silva, Stanislao Di Giugno, Nicola Pecoraro, Gabriel Hartley, Raphael Danke, Bhakti Baxter, Philipp Lachenmann, Belén Rodríguez González
TIZIANA DI CARO
Via delle Botteghelle 55
089 9953141
[email protected]
www.tizianadicaro.it

CONDIVIDI
Antonello Tolve
Antonello Tolve (Melfi 1977) è teorico e critico d’arte. Dottore di ricerca presso l’Università di Salerno, insegna Pedagogia e Didattica dell'Arte e Antropologia dell'Arte all'Accademia di Belle Arti di Macerata. Studioso delle esperienze artistiche e delle teorie critiche del Secondo Novecento, con particolare attenzione al rapporto che intercorre tra arte, critica d’arte e nuove tecnologie. Pubblicista, collabora regolarmente con diverse testate del settore. Ha curato mostre in spazi pubblici e privati, in Italia e all'estero e vari cataloghi di artisti. Collabora, a Salerno, con la Fondazione Filiberto Menna e dirige con Stefania Zuliani, per l’editore Plectica, la collana Il presente dell’arte. Tra i suoi libri Giardini d’utopia. Aspetti della teatralizzazione nell’arte del Novecento (2008), Gillo Dorfles. Arte e critica d'arte nel secondo Novecento (2011), Giuseppe Stampone. Estetica Neodimensionale / Neodimensional Aesthetics (2011), Bianco-Valente. Geografia delle Emozioni / Geography of Emotions (2011).