Ribellione progressiva, ribellione progressista

Nell’avamposto milanese del Museo Pecci, tredici opere della collezione raccolgono e mostrano al pubblico artisti e collettivi russi. Tra installazioni, video, collage e dipinti, fino al 6 gennaio l’ex Urss diventa pensiero di progresso e lotta per una nuova contemporaneità.

Progressive Riot, veduta della mostra presso il Museo Pecci, Milano 2012

Il salone diffuso del Museo Pecci, in Riva di Porta Ticinese, incorpora e rielabora, come un riflesso, le ultime vicende sociopolitiche della Russia contemporanea. Rivisitando l’arresto, da parte della polizia di Putin, del gruppo delle Pussy Riot, tredici opere della collezione del Centro Pecci di Prato trovano nuove combinazioni allestitive con l’intento di generare nuovi discorsi. Ciascun lavoro è già stato selezionato e allestito all’interno di due diverse mostre ospitate dal centro toscano: Artisti russi contemporanei (1990) e Progressive Nostalgia (2007). Ma la ritrovata relazione di reciprocità tra alcuni lavori quali, ad esempio, il Magazzino d’arte (1990) di Volkov e Cittadino, tu che conosci il russo, non tradurre queste parole (1988) di Zvezdochotov – due fra le installazioni più estese dell’itinerario – restituisce intera la percezione di una certa idea di lotta, di avanzamento, di progresso, o forse, di storia della Russia che, seppure attraverso voci e linguaggi diversi, oggi non è mai passata.

Ginevra Bria

Milano // fino al 6 gennaio 2013
Progressive Riot. Arte dall’ex URSS nella collezione del Centro Pecci di Prato
artisti: Vahram Aghasyan, Ilya Budraitskis / Aleksandra Galkina / David Ter-Oganian, Factory Of Found Clothes, Dmitri Gutov, Vladimir Kupryanov, Anatoly Osmolovsky, Koka Ramishvili, Leonid Sokov, Nomeda & Gediminas Urbonas, Sergei Volkov, Yelena & Viktor Vorobyev, Konstantin Zvezdochotov
MUSEO PECCI MILANO
Ripa di Porta Ticinese 113
0574 5317
[email protected]
www.centropecci.it

CONDIVIDI
Ginevra Bria
Ginevra Bria è critico d’arte e curatore di Isisuf – Istituto Internazionale di Studi sul Futurismo di Milano. E’ specializzata in arte contemporanea latinoamericana. In qualità di giornalista, in Italia, lavora come redattore di Artribune e Alfabeta2. Vive e lavora a Milano.