Peter ti presento Carla. Incontri da Massimo Minini

Maestro di cerimonie Massimo Minini, a Brescia le opere di Carla Accardi incontrano i colori fluo di Peter Halley. Il duetto è visibile fino al prossimo 12 gennaio.

Carla Accardi / Peter Halley - veduta della mostra presso la Galleria Massimo Minini, Brescia 2012 - photo Andrea Gilberti

A differenza della sua omonima spaziale, Peter Halley (New York, 1953) non è una cometa nel cielo dell’arte mondiale. Il suo nascere in coda all’esperienza dell’Espressionismo astratto americano che, in fin dei conti, poco aveva di astratto, ha fatto sì che nelle sue opere realizzasse forme geometriche in continuo rimando con la realtà: dai blocks alle gallerie della metropolitana della sua città, dalle finestre alle grate delle carceri.
D’altro canto, Carla Accardi (Trapani, 1924) ha anch’essa interpretato il segno in maniera viva, continuamente mobile, fino a giungere alle larghe campiture odierne. Una forma che si materializza in uno spazio proprio, che può essere quello della tela o dei volumi che contribuisce a comporre.
L’aver entrambi ben digerito la lezione del Costruttivismo, interpretato in maniera più lirica dalla Accardi, rende il terreno fertile al dialogo fra questi due artisti che, sebbene diversi per generazione, nazionalità e sesso, trovano un piano comune d’espressione in un astrattismo ricco di “figure”.

Giovanna Procaccini

Brescia // fino al 12 gennaio 2013
Carla Accardi / Peter Halley
MASSIMO MININI
Via Apollonio 68
030 383034
[email protected]
www.galleriaminini.it

CONDIVIDI
Giovanna Procaccini
Giovanna Procaccini, napoletana, si laurea in architettura e si specializza in storia dell’arte all’Università degli Studi di Napoli Federico II. Si diploma come addetto alla conservazione e restauro dei dipinti su tela. Critica e curatrice, si occupa d’arte contemporanea in ogni suo aspetto. Ha lavorato come assistente presso la Cardi Galleria d’Arte di Milano e la Galleria Alfonso Artiaco di Napoli. Ha svolto contratti a progetto con il PAN | Palazzo delle Arti Napoli e con la Fondazione Internazionale Studi Superiori di Architettura. Si è occupata di didattica per Progetto Museo e per gli Amici dei Musei – Sez. Giovanile Napoli. Ha curato mostre di architettura e di artisti emergenti presso spazi pubblici e private gallerie d’arte. È consulente tecnico d’ufficio per il Tribunale di Napoli e svolge ruolo di consulente per alcuni collezionisti d’arte. Dalla sua fondazione, nel 2011, collabora con Artribune. Precedentemente, dal 2005, ha collaborato con le piattaforme editoriali Exibart e Zero.