Michele De Lucchi: l’incantamento semplice

Sbarca a Roma, nei metamorfici spazi della Fondazione Volume!, il lavoro di Michele De Lucchi, designer, architetto e artista. Il suo intervento, intitolato “Colonne portanti”, riconfigura con leggerezza lo spazio. Fino al 15 febbraio.

Michele De Lucchi. Colonne portanti, Ritratto, Foto di Federico Ridolfi / Courtesy Fondazione Volume! 2012

I muri parlano”. Lo dice Michele De Lucchi (Ferrara, 1951; vive a Milano) presentando il suo lavoro Colonne portanti alla Fondazione Volume, mentre vicino a lui Franco Nucci sorride sereno con la soddisfazione di chi ha ospitato ancora una volta un’opera capace di lasciare un segno, di uscire dalla prevedibilità, di relazionarsi con lo spazio che la ospita per ridisegnare un luogo ideale per ripensare alle cose.
De Lucchi è un designer che ha ideato prodotti per le più importanti industrie europee, si è laureato in architettura a Firenze e tra i molti progetti realizzati ricordiamo il più recente: il Ponte della Pace a Tbilisi. È un artista perché profondamente artigiano e viceversa, capace di essere visionario ma anche di costruire strutture vere. È l’homo faber contemporaneo, artigiano del proprio lavoro ma anche dello spazio che lo ospita: disegna sempre elementi di un mondo più grande, belli anche da soli. Come è bello un albero, che sia solo o parte del bosco.

Michele De Lucchi, allestimento della mostra Colonne portanti, Fondazione Volume!, Roma 2012

Qui è intervenuto in uno spazio ideale, come dice lui stesso, sia per la destinazione d’uso originaria della galleria, che era una vetreria, sia per il rapporto con le colonne romane come elemento di indagine e di rielaborazione. Come i vetrai del passato, prima ha lavorato dentro l’ambiente, lo ha  ascoltato, cercando di individuare quei punti di forza emotiva delle superfici antiche, su cui poi intervenire. Ecco che le sue Colonne si inseriscono nelle nicchie che lui “ritaglia” sul ricordo dei muri: un rabdomante chirurgo che individua il passaggio di un flusso e apre per applicare  by-pass che ristabiliscano un circuito di energia positiva. Costruisce armonia come solo i grandi architetti sanno fare, ma lo fa con le mani, come il più umile artigiano. All’interno delle nicchie le colonne di legno sono levigate non tornite, montate elemento su elemento come tanti piccoli pezzi assemblati per formare strati. Strutture ancestrali e giochi di un bambino che non abita in nessun tempo.

Michele De Lucchi – Colonne portanti – veduta della mostra presso la Fondazione Volume!, Roma 2012 – photo Federico Ridolfi

Parla di entasi nel testo di presentazione, elaborato con Emilia Giorgi: “Considero l’entasi un aspetto fondamentale della colonna. Può sembrare un dettaglio trascurabile, ma è ciò che la distingue da un banale cilindro o da un pilastro, conferendole quel carattere di unicità così importante in un’epoca come la nostra.” Un’epoca come la nostra, intossicata.  Un’epoca in cui è indispensabile ritrovare “l’incantamento semplice”: questo lavoro appare come una cura.

Clara Tosi Pamphili

Roma // fino al 15 febbraio 2013
Michele De Lucchi – Colonne portanti
a cura di Emilia Giorgi
FONDAZIONE VOLUME!
Via San Francesco di Sales 86/88
06 6892431
[email protected]
www.fondazionevolume.com

CONDIVIDI
Clara Tosi Pamphili
Clara Tosi Pamphili si laurea in Architettura a Roma nel 1987 con Giorgio Muratore con una tesi in Storia delle Arti Industriali. Storica della moda e del costume, ha curato mostre italiane e internazionali, cataloghi e pubblicazioni. Ideatrice e curatrice di A.I.artisanal intelligence, evento che si svolge due volte l'anno per promuovere nuovi designer di moda in collaborazione con gallerie di arte contemporanea. Svolge attività di ricerca delle arti applicate nella moda collaborando con le più importanti sartorie teatrali e di moda italiane e internazionali. Ha diretto didatticamente l'Accademia di Costume e di Moda dal 2005 al 2007. Ha insegnato Storia del Design di Moda e Tecniche di Ricerca all'Accademia di Costume e di Moda e alla Facoltà di Architettura di Roma Ludovico Quaroni fino al 2011. Attualmente è consigliere di amministrazione di Altaroma, dove si occupa di progetti di ricerca e sviluppo delle nuove tendenze con particolare attenzione al legame fra moda e arte. Collabora con il Maxxi e altre istituzioni per la creazione di eventi culturali sulla moda. Risiede e lavora a Roma.
  • Marco Perciballi

    Michele De Lucchi sa condurre per mano e sa presentare con semplicità e candore il suo lavoro, proprio come se ci si presentasse ad un amico.