Il brulicante formicaio di Luana Perilli

Se pensate che le formiche siano solo inutili e fastidiosi esserini di cui liberarsi, Luana Perilli saprà farvi ricredere. L’artista ridesta nello spettatore la curiosità infantile verso il mondo esterno, alla scoperta del perduto senso della vita sociale. Negli spazi di The Gallery Apart, a Roma, fino al 1° dicembre.

Luana Perilli, Goodbye Mrs, 2012, still da video, 4’ 14’’

Un frammento di salotto sotto vetro. Ad abitarlo degli inquilini speciali: una colonia di formiche tessitrici. Sono loro le protagoniste dell’opera di Luana Perilli (Roma, 1981), che approda alla galleria romana con il terzo capitolo della saga Superorganism. Un progetto che nasce da un lungo studio, riassunto in schizzi e appunti, ritagliati e ricamati, come solo una formichina sa fare, e poi raccolti sui pannelli in mostra. Così nel video, con un tocco d’ironia, il discorso scientifico scende a un livello colloquiale.

Come in una performance ininterrotta, gli insetti operano in funzione del benessere della società. Una generosità innata, genetica, come spunto di riflessione nella confusione di una crisi sociale quanto evolutiva. Usando le parole dell’artista: “un vero monumento alle potenzialità e al successo che un modello di collettività spontanea, altruistica e non ideologica offre”.

Stella Kasian

Roma // fino al 1° dicembre 2012
Luana Perilli  – 108 (spontaneous collective in thoughtless awareness)
THE GALLERY APART
Via di Monserrato 40
06 68809863
[email protected]
www.thegalleryapart.it

 

CONDIVIDI
Stella Kasian
Stella Kasian, nata a Roma nel 1981, si laurea in Studi storico-artistici alla Università degli Studi di Roma “La Sapienza” con il massimo dei voti, scegliendo di specializzarsi in Storia dell’Arte Contemporanea. La passione per l’arte e il desiderio di comunicarla spingono, sin da subito, la giovane Stella a muovere i primi passi nell’ambito del giornalismo on line. Trasferitasi a Londra, ancora oggi sua dimora elettiva, approfondisce le proprie conoscenze con esperienze variegate che arricchiscono la cultura accademica di nuove contaminazioni internazionali: dal corso curatoriale presso la University of The Arts alle collaborazioni con il Barbican Centre e con il Camden Arts Centre, nella quali si avventura nell’attività promozionale, organizzativa e curatoriale di eventi. Intanto Stella prosegue con sempre più impegno la sua attività di redattrice free lance, collaborando proficuamente con varie testate italiane su web e su carta.
  • alfieri

    ecco buoni scampoli di energia che negli anni sono stati mortificati e disincentivati dal sistema garutti-brera e vettese-iuav.