Attraverso il Mediterraneo. In viaggio clandestino con Corrado Agricola

“Clandestino” è il progetto con il quale il siciliano Corrado Agricola suggerisce un rapporto spontaneamente empatico con chi si affaccia disarmato sulle nostre coste. A La Corte Arte Contemporanea di Firenze, fino al 23 novembre. Attraverso istruzioni religiose arabe.

Corrado Agricola - Clandestino - veduta della mostra presso La Corte Arte Contemporanea, Firenze 2012

Clandestino nasce nell’estate 2011 a seguito dell’approdo sulla spiaggia di Marianelli, nei pressi di Noto, di un barcone che traghettava circa quaranta persone provenienti dall’Egitto. Corrado Agricola (Siracusa, 1968) rielabora questo fatto di cronaca creando un’opera site specific. Partendo dal tema del viaggio, si allontana dall’idea dell’immigrato come di qualcuno di scomodo, da tenere a distanza. La sua è un’operazione di avvicinamento a coloro che intraprendono quella traversata, un’immersione totale compiuta attraverso la preghiera che recitano invocando la salvezza. Ci troviamo infatti in una galleria i cui muri sono stati completamente ricoperti di fogli che riportano le istruzioni scritte in lingua araba per recitare le cinque preghiere rituali giornaliere, salat, durante il viaggio, e una preghiera libera. L’artista ci spinge così sopra quel barcone; i pensieri di quelle persone finiscono per appartenerci, si rincorrono di fronte agli occhi e risuonano nelle orecchie. D’altronde è il mare che ci bagna ad averceli consegnati, e a suggerirci quindi di preoccuparci di loro e abbandonare la nostra confort zone.

Ottavia Sartini

Firenze // fino al 23 novembre 2012
Corrado Agricola – Clandestino
a cura di Aldo Taranto
LA CORTE ARTE CONTEMPORANEA
Via de’ Coverelli 27r
055 284435
[email protected]
www.lacorteartecontemporanea.it

CONDIVIDI
Ottavia Sartini
Ottavia Sartini (Viareggio, 1987) dopo la laurea in Storia e tutela dei beni artistici con una tesi su Guelfo Civinini, conosciuto giornalista di guerra ma dimenticato critico d’arte in attività dai primi anni del ‘900, continua la sua formazione per conseguire la Laurea in Storia dell’Arte Contemporanea presso l’Università degli Studi di Firenze. Sta muovendo i suoi primi passi nel mondo dell’informazione artistico culturale su Artribune ed altre testate a tiratura locale tra Firenze e la Versilia.