Jodice, la video-fotografia e le contraddizioni della società moderna

Immagini fisse e in movimento, serie iniziate nel 2005 e video recenti. Il tutto per raccontare la società contemporanea e le sue contraddizioni. Per un progetto che è quello di una intera carriera artistica. Da Michela Rizzo a Venezia, fino al 30 novembre.

Francesco Jodice - Death Valley - 2002

La personale di Francesco Jodice (Napoli, 1967; vive a Milano) alla Galleria Michela Rizzo di Venezia ha il merito di rappresentare diversi momenti della carriera e del progetto di questo artista che, attraverso la fotografia e il video, esplora in modo ossessivo le contraddizioni della società contemporanea. 

Partendo da semplici dettagli, le sue immagini raccontano le linee di tensione geopolitica e le nevrosi degli abitanti del mondo occidentale; dall’urbanizzazione alle architetture delle metropoli globalizzate, per giungere fino alle steppe ai confini del mondo, lo sguardo di Jodice porta il visitatore a porsi domande precise rispetto a quello che sta osservando. “Cosa stiamo guardando?” è il punto di partenza attraverso cui si articola una poetica che conduce al di là della bidimensionalità dell’immagine, per giungere alla domanda: “Cosa stiamo facendo?”.

Tommaso Zanini

 

Venezia // fino al 30 novembre 2012
Francesco Jodice
a cura di Angela Madesani
GALLERIA MICHELA RIZZO
Fondamenta della Malvasia Vecchia
041 2413006
[email protected]
www.galleriamichelarizzo.net

CONDIVIDI
Tommaso Zanini
Tommaso Zanini (Venezia 1982) , dottore in filosofia, si occupa di comunicazione ed organizzazione di eventi nel campo dell'arte contemporanea. Il suo interesse si concentra in maniera particolare sulle tematiche legate alle produzione artistica delle nuove generazioni ed ai linguaggi neo-mediali. Insieme a Matteo Efrem Rossi fonda nel 2009 l'associazione culturale EVE AR:V. che opera a Forte Marghera in un progetto di riqualificazione del capannone Palmanova attraverso residenze d'artista e esposizioni d'arte contemporanea.