Icone rock sotto i portici

Fino al 20 novembre Bologna ospita una rassegna di eventi dedicati a Manchester e alla sua scena musicale. Tutto ruota attorno alla mostra fotografica, “Kevin Cummins: sound and vision from Manchester”, allestita negli spazi della Galleria ONO Arte contemporanea. In vari luoghi della città concerti, djset e proiezioni.

Kevin Cummins - Shaun Ryder - 1997 - courtesy Galleria ONO Arte contemporanea, Bologna

Le immagini totalizzanti di Kevin Cummins (Manchester, 1953; vive a Londra) proiettano dritto nell’essenza creativa della Manchester post industriale. Le sue celebri istantanee, esposte nei maggiori musei del mondo, sono diventate icone rappresentative di una città e dei suoi figli musicali: dall’etichetta indipendente Factory Records alle atmosfere malinconiche degli Smiths, dal post punk dei Joy Division alla scena pulsante dell’Haçienda e degli Happy Mondays, fino al britpop degli Oasis. Ottanta scatti intensi, che bucano animi e sguardi, immortalano gli artisti durante le sessioni d’incisione, concerti e momenti di relax, e sullo sfondo lei, Manchester, grigia e gelida protagonista, teatro urbano dai contorni disumanizzati. Miti pop catturati da uno scatto, cristallizzati nel nostro immaginario collettivo.

Marta Veltri

Bologna // fino al 20 novembre 2012
Kevin Cummins: sound and vision from Manchester
ONO ARTE CONTEMPORANEA
Via Santa Margherita 10
051 262465
[email protected]
www.onoarte.com 

CONDIVIDI
Marta Veltri
Marta Veltri (Cosenza, 1983) si è laureata in architettura a Roma con una tesi sull'allestimento museale delle Terme di Caracalla. Subito dopo ha fatto parte del team che ha dato alla luce UNIRE, progetto vincitore dell'ultimo YAP (Young Architects Programs) MAXXI, sempre a Roma. Ha collaborato con studi d'architettura italiani e stranieri, approfondendo il complesso rapporto tra architettura, design, arte e fotografia. Negli ultimi tempi si è avvicinata al mondo della comunicazione in ambito artistico e culturale. Dal 2012 scrive per Artribune.