Cadere a Prato. Con Nicola Console

In una dimensione recondita della coscienza si consuma la lotta angosciata tra individuo e potere. Ma può esistere un rapporto che non sia di sopraffazione? La domanda, come un motivo costante, articola l’opera di Nicola Console. Presentata a Magazzino 1B a Prato fino al 19 ottobre.

Nicola Console – Dieci Cadute - veduta della mostra presso il Magazzino 1B, Prato 2012

Disegno, scrittura, voce e azione. Dieci micronarrazioni, tra colpi inferti e subiti, intrappolano in una condizione d’inumanità i volti iconici del potere e il gran numero dei soggetti, ridotti a strumenti, che ne sopportano gli effetti; tra loro l’artista, sebbene la facoltà di un immaginario sovversivo ne faccia un’eccezione sociale.
L’opera animata di Nicola Console (Palermo, 1969; vive a Milano) unisce le pratiche acquisite dal teatro, dal cinema e dalla pittura: alcuni estratti dal testo La caduta di Martino Lo Cascio, interpretati dal fratello e noto attore Luigi, diventano la base per un adattamento visivo che varia dal dato all’interpretazione caricaturale, dalla cronaca all’immaginario grottesco.

Dieci cadute colpisce per un certo rumore soggiacente, raddoppiato dal fondo della rappresentazione sempre increspato, in grado di distinguere l’esito formale dal mero commento civile-politico e di preannunciare evoluzioni a venire per una personale tecnica di integrazioni espressive.

Matteo Innocenti

Prato // fino al 19 ottobre 2012
Nicola Console – Dieci Cadute
MAGAZZINO 1B
Via Genova 1b
0437 62221
[email protected]
www.magazzino1b.it

CONDIVIDI
Matteo Innocenti
In linea agli studi universitari in Storia dell'Arte inizia un percorso come critico e curatore. Collabora a vari progetti editoriali, in modo particolare prima ad Exibart e poi ad Artribune. E' direttore artistico di TUM, collettivo di artisti e di altre professionalità legate al mondo dell'arte, finalizzato alla ricerca e alla sperimentazione espressiva. Lavora inoltre come autore e regista per una società di video produzione fiorentina.