Santo Marx, santo subito!

Teoria del valore, Co2, Roma. Un gallerista concettuale, sette artisti, otto realtà distinte e tutti i fantasmi di un Novecento che non ha intenzione di cedere il passo. Lo spunto ideale per una considerazione breve sull’arte di oggi tra marxismo e ipercapitalismo.

L'uroboro, antico simbolo della ciclicità

Corsi e ricorsi, tutto torna senza che nulla quadri, nulla al di fuori della logica del corso e del ricorso. E torna dunque Giambattista Vico così come torna, ormai un classico, la barba folta di Karl Marx. Oggi la catastrofe della finanza è compiuta mentre pende il cappio del differenziale; il filosofo tedesco non è mai stato così attuale. Ovvero, è stato mai inattuale?
Allo stesso modo, un saggio sul principio del valore dell’arte o dell’arte come prodotto, per noi vecchi figli orfani di quel Primo Novecento – un lutto quello, mai cicatrizzato – non può che essere attuale. Attuale come lo è, d’altronde, da un secolo a questa parte.
E quindi dopo gli artisti, è tempo dei galleristi. Onore al merito per la romana Co2 che ci prova, provando pure gusto per quel discorso sulla musealità della galleria; si veda il precedente di Epipedon che ottimi risultati aveva garantito.
Cambiando l’ordine dei fattori, il prodotto non cambia. Appunto. Il vero artista della mostra, per ciò che oggi è considerato l’artista vero, geniere di puri dispositivi, è Giorgio Galotti, di professione: gallerista. Sua la scelta degli artisti – questi di professione – delle location e dell’impianto della mostra così concertata: sette esercizi di commercio ospitano sette opere rispettivamente  di David Casini, Stanislao Di Giugno, Ettore Favini, Francesco Fonassi, Ma Liang, Giovanni Oberti e Gianni Politi i quali, a loro volta, ricollocano in galleria un oggetto ordinario estratto dal negozio, prodotto per prodotto.

Giovanni Oberti – Untitled (100lire) – 2011 – courtesy l’artista e CO2
Se il ragionamento della mostra è onesto e coerente il processo di vendita delle opere, l’esposizione dei quattordici pezzi – sette opere e sette prelievi – diventa paradossale, o sintomatico. Gli oggetti d’uso comune – un libro, una lima, una catenina d’oro… – si presentano in galleria allestiti alla perfezione, l’abito fa il monaco. Altro destino per le “opere”, quelle teoricamente autentiche poste nei negozi, che rimangono periferiche e solitarie, mute e inosservate.
Gli ingranaggi della Teoria del valore sono ben ingrassati, ben altra cosa è il processo complessissimo di identificazione del valore di bellezza. Dove finisce dunque l’intuito del gallerista che rimescola le carte e dove inizia invece il problema vero di riconoscimento da parte del mondo, della gente, dell’arte contemporanea come tale?

Luca Labanca

www.co2gallery.com

 

CONDIVIDI
Luca Labanca
Luca Labanca si muove nel 2006 da Varese a Bologna per iniziare il percorso di studi del DAMS, curriculum Arte. Negli anni di residenza bolognese collabora stabilmente col bimestrale d’arte e cultura ART Journal, contemporaneamente idea e sviluppa progetti ed eventi di contaminazione culturale tra il Lago Maggiore e Lugano assieme allo scrittore e musicista Tibe. Nel 2010 ottiene la laurea con la tesi Fiat Lux sviluppata al fianco della docente in Semiotica dell’Arte, Prof.ssa Lucia Corrain. Nell’ottobre dello stesso anno si trasferisce a Roma per intraprendere il percorso magistrale in Studi storico artistici dell’Università la Sapienza, fin dai suoi esordi partecipa al progetto editoriale Artribune.
  • Salvatori

    Il dott. Giorgio Galotti della CO2 è un mito !!!
    Moltissimi auguri di grandi successi !!!