Mostruosa pittura

Animali, mostri e uomini deformi. In piccole sculture e nella pittura a grandi dimensioni, Thomas Braida mette un scena il proprio immaginifico e personalissimo pantheon. Che abita, fino al 3 agosto, un vecchio negozio di tappezzeria di Mestre, magicamente trasformato in sede espositiva.

Thomas Braida - veduta della mostra presso le ex Tappezzerie Semenzato, Venezia 2012

Pare un pezzo di Berlino la sede della mostra, risistemata in una delle zone più popolari e multietniche di Mestre grazie al lavoro del collettivo Sottobosco. Senza orpelli e sovrastrutture, una vecchia tappezzeria ospita quadri, lavori su carta, maschere, affissi sui muri o collocati su tavoli. È la pittura potente e prepotente di Thomas Braida (Gorizia, 1982; vive a Venezia), animata da una pennellata che sa piegarsi ai vincoli espressivi, in bilico tra fluidità e grumo controllato, e che guarda con un occhio al Simbolismo e con l’altro ai fauves e all’Espressionismo tedesco. Lavori animati da composizioni paratattiche, caratterizzate da continue fughe ed episodi secondari, quasi a sfidare la possibilità di una visione d’insieme. E poi sculture, maschere e totem a comporre una visione di un mondo che pare esistere drammaticamente, in una dimensione gotica che mette insieme burla e tragedia: ridere o piangere non pare davvero fare alcuna differenza.

Daniele Capra

Venezia // fino al 3 agosto 2012
Thomas Braida
a cura di Nicola Nunziata
EX TAPPEZZERIE SEMENZATO
Via Buccari 20
[email protected]
www.sottobosco.net

CONDIVIDI
Daniele Capra (1976) è giornalista, curatore indipendente ma militante. Tra le mostre curate la personale di Matteo Fato alla Fondazione Dena di Parigi, Contractions presso Dolomiti Contemporanee, Fisiologia del Paesaggio per i Musei di Zoologia e Anatomia Comparata dell’Università di Bologna, Let’s Go Outside per il Comune di Milano, Drawing a Video al Museo Janco Dada di Haifa e la IV edizione del festival Tina-B di Praga. È stato curatore del Premio Emergente Europeo Trieste Contemporanea nel 2008 e nel 2009, giurato all’International Onufri Prize di Tirana. Scrive per Artribune, per Nordest Europa e per i quotidiani veneti del Gruppo Espresso. È membro del comitato scientifico del festival culturale Comodamente. Vive un po’ troppo di corsa, con molti libri ancora da leggere ed il portatile sempre acceso.
  • Nicola Genovese

    Mostra stupenda e spazio superbo…grandi Sottobosco e Thomas…super complimenti