Tra musi di camion e visuali post atomiche

Un’umanità ai margini che deve fare i conti con “musi” di camion, polpi ipertrofici e pipistrelli vampiro. Il disegno graffiante di Michelangelo Setola, uno dei più apprezzati disegnatori del fumetto italiano, è in mostra alla galleria d406 di Modena fino al 17 luglio.

Michelangelo Setola è un disegnatore puro, uno dei più grandi del fumetto italiano e fondatore tra gli altri del virtuoso progetto Canicola. Il tratto è inconfondibile e mostra una padronanza assoluta della tecnica.
In mostra alla galleria modenese alcune tavole della sua ultima storia, Musi di camion, che verrà presentata in versione intera a Lucca Comics e parte della sua produzione. Osservando le tavole grigie su carta da lucido si evince l’abilità di questo miniaturista della matita, che crea avventure immaginifiche dall’impronta drammatica, in cui il suo alter-ego protagonista deve fare i conti con mostri marini giganti, pipistrelli-vampiro e scenari post-atomici. Un’ottica sghemba e intrigante, che rivela in un grande lavoro sugli operai, rappresentati come esseri mutanti con malformazioni, anche una particolare attenzione al sociale.


Francesca Baboni

Modena // fino al 17 luglio 2012
Michelangelo Setola – L’albero delle scimmie
GALLERIA D406
Via Cardinalmorone 31/33
059 211071
[email protected]
www.d406.com

 

CONDIVIDI
Francesca Baboni
Francesca Baboni vive a Correggio (Re). Laureata in Lettere Classiche con indirizzo storico-artistico all'Università di Bologna, è critico d'arte, storico dell'arte e curatrice indipendente. Da diversi anni cura per spazi privati ed istituzionali mostre personali e collettive di artisti contemporanei, con un'attenzione particolare alla pittura e alla fotografia. Collabora con il Centro Studi Correggio Art Home dedicato al pittore Antonio Allegri detto Il Correggio per conferenze, ricerche e visite guidate, ed è membro del Consiglio di Amministrazione della Fondazione Il Correggio, che ne gestisce l'attività.