Quando l’allievo se ne frega del maestro. Dall’astratto materico al pop concettuale

A guardarli così potresti dire che l’uno è allievo dell’altro? Gli smalti gothic-pop di Arruzzo si specchiano nella materia potente di Carboni, primo maestro di uno dei nomi di punta tra gli italiani della colorata e variegata scuderia di Antonio Colombo. A Milano, fino al 14 luglio.

Gabriele Arruzzo - God's Portrait - 2012

C’è un gran lavoro di sintesi, necessariamente giocato sulle cromie e non sui soggetti, dietro alla doppia personale che segna l’estate alla Galleria Colombo. L’allievo incontra il maestro, o meglio: si scontra, verrebbe da dire. Solo pezzi nuovi quelli, creati ad hoc, che Gabriele Arruzzo (Roma, 1976; vive a Pesaro) propone in dialogo con i lavori di Luigi Carboni (Pesaro, 1957), vent’anni più grande, suo docente all’Accademia di Belle Arti in Urbino.
La traduzione in ambiente pop del mistero ritmico del Rinascimento urbinate si declina – come sempre in Arruzzo – nella costruzione di scenari complessi eppure puliti, brillanti nella proposta originale di un repertorio iconografico che s’inserisce in quel filone di nostalgia per le atmosfere tardo ottocentesche, un po’ gotiche, che da Vanni Cuoghi a Umberto Chiodi sembrano non vivere cali d’interesse. Altro universo quello in cui si muove Carboni, giocando sull’equilibrio di forme dal sensuale richiamo tattile, autentici mantra cromatici che parlano al ventre e al cuore, prima che alla testa. Affascinante l’orientamento di entrambe le tavolozze verso sentieri affini, a costruzione di un progetto apparentemente disorganico, in realtà profondamente intimo e condiviso.

Francesco Sala

Milano // fino al 14 luglio 2012
Gabriele Arruzzo / Luigi Carboni – In opposte coincidenze
ANTONIO COLOMBO ARTE CONTEMPORANEA
Via Solferino 44
02 29060171
[email protected]
www.colomboarte.com

CONDIVIDI
Francesco Sala è nato un mesetto dopo la vittoria dei mondiali. Quelli fichi contro la Germania: non quelli ai rigori contro la Francia. Lo ha fatto (nascere) a Voghera, il che lo rende compaesano di Alberto Arbasino, del papà di Marinetti e di Valentino (lo stilista). Ha fatto l'aiuto falegname, l'operaio stagionale, il bracciante agricolo, il lavapiatti, il cameriere, il barista, il fattorino delle pizze, lo speaker in radio, l'addetto stampa, il macchinista teatrale, il runner ai concerti. Ha una laurea specialistica in storia dell'arte. Ha fatto un corso di perfezionamento in economia e managment per i beni culturali, così sembra tutto più serio. Ha fatto il giornalista per una televisione locale. Ha condotto un telegiornale che, nel 2010, ha vinto il premio speciale "tg d'oro" della rivista Millecanali - Gruppo 24Ore. Una specie di Telegatto per nerd. E' molto interista.