Le ossimoriche provocazioni di Eugenio Merino

Alla galleria Jerome Zodo Contemporary di Milano è di scena l’artista spagnolo Eugenio Merino. Attraverso le sue euforiche pantomime della realtà, porta lo spettatore a interrogarsi sui paradossi della storia contemporanea. Fino al 20 luglio.

Eugenio Merino - Celebrating Destruction

Si chiama Celebrating Destruction e suona quasi come un ossimoro: parliamo della prima personale italiana dell’artista spagnolo Eugenio Merino (Madrid, 1975). A presentarla la Jerome Zodo Contemporary di Milano che, attraverso le opere di questo artista anarchico e sovversivo, vuole mostrare i paradossi che la cultura mediatica popolare è capace di produrre quando è messa a confronto con i più diversi accadimenti della storia contemporanea. Accattivante e ironico, Eugenio Merino opera nella costante ricerca di quell’essenza che cammina sulla superficie delle cose. Non solo: servendosi dei linguaggi propri dell’arte, spinge ai limiti della teatralità l’atteggiamento provocatorio che contraddistingue il suo sguardo.
Una galleria di euforiche pantomime, in cui i personaggi, come gli oggetti, tentano di ammaestrare la realtà, tra le molte ipocrisie che accompagnano tutte le dinamiche di potere.


Alessia Delisi


Milano // fino al 20 luglio 2012
Eugenio Merino – Celebrating Destruction
JEROME ZODO CONTEMPORARY
Via Lambro 7
02 20241935
[email protected]
www.jerome-zodo.com

 

CONDIVIDI
Alessia Delisi
Palermitana d'origine e milanese d'adozione, intraprende la carriera di giornalista freelance subito dopo la laurea in Filosofia Estetica che consegue con il massimo dei voti e una tesi su Rayuela di Julio Cortázar. Scrive di arte, design, cultura e culinaria ed è coautrice di una pellicola indipendente argentina. Il suo rapporto con la scrittura è di natura estremamente passionale.