Insieme contro la crisi (di idee). Vanni Cuoghi e Ilaria Del Monte a Lecce

Il rinnovamento dell’arte contemporanea stimolato attraverso la condivisione. Opere a quattro mani nella neonata galleria leccese Rivartecontemporanea, fino al 24 agosto.

Vanni Cuoghi & Ilaria Del Monte - Reincarnazione - 2012

La connessione, la condivisione, la collaborazione fra artisti. È la soluzione per una rinascita dell’arte contemporanea e per superare l’attuale crisi d’idee, oltre che economica, secondo Ilaria Del Monte (Taranto, 1985) e Vanni Cuoghi (Genova, 1966). Che presentano, da Rivartecontemporanea a Lecce, la doppia personale P.G.R. Per grazia ricevuta. Una serie di opere pittoriche realizzate a quattro mani sullo stesso supporto dai due artisti, sull’esempio dei “cadaveri squisiti” dei surrealisti, e ispirate agli ex-voto. Quadri dai colori tenui e dai tratti delicati, che ritraggono immagini di mondi infantili e onirici apparentemente innocui, ma che in realtà penetrano nell’inconscio attraverso un messaggio forte e insieme dissacrante.

Vanni Cuoghi & Ilaria Del Monte – Le spire dell’amore – 2012

Com’è tipico dell’universo artistico di Cuoghi, uno dei principali esponenti dell’Italian New Brow, il movimento lanciato da Ivan Quaroni. Estremamente magnetico ed evocativo è Il caro estinto, opera-simbolo della mostra, che raffigura la congiunzione tra le dimensioni della vita e della morte. La rassegna rappresenta la prima tappa della Confraternita della salvezza, un progetto più ampio che si basa sul principio del mutuo soccorso e della condivisione tra artisti.

Cecilia Pavone

Lecce // fino al 24 agosto 2012
Vanni Cuoghi & Ilaria Del Monte – P.G.R. Per Grazia Ricevuta. Confraternita della Salvezza
testo critico di Marinilde Giannandrea
GALLERIA RIVARTE CONTEMPORANEA
Via Umberto I 32
333 7854068
[email protected]
www.rivartecontemporanea.it

CONDIVIDI
Cecilia Pavone
Giornalista professionista, Cecilia Pavone è nata a Taranto e ha conseguito la laurea in Filosofia con specializzazione in Storia delle Dottrine Politiche all'Università degli Studi di Bari. Nel suo percorso professionale giornalistico ha lavorato per il quotidiano "Nuovo Corriere Barisera" di Bari specializzandosi nel settore cultura e spettacoli. Tra le sue collaborazioni: "Il Settimanale" di Bari, "Il Resto del Carlino" di Bologna, "Exibart" dal 2007 fino al febbraio 2011, quando ha seguito Massimiliano Tonelli e Marco Enrico Giacomelli alla nuova testata d'arte "Artribune". Attualmente scrive anche su "Lobodilattice.com" e "Metalwave.com".
  • Stefania Dal Molin

    Ciao.Queste opere mi piacciono molto perchè ci si legge soprattutto la tradizione dell’arte tutta italiana.Spero vivamente che l’arte contemporanea si ravveda dal caos di influenza internazionale in cui è precipitata. Complimenti ancora.Stefania Dal Molin