I misteri del suono

La presenza viva è già là, con i suoi dispositivi per la riproduzione acustica. La presenza sonora invece “arriva” e si propaga nello spazio, come un rumore di fondo. Quali i segreti rapporti? Ce li indicano le installazioni di Roberto Pugliese, allo Studio La Città di Verona, fino all’11 agosto.

Roberto Pugliese – Aritmetiche Architetture Sonore

L’operazione che mette in atto Roberto Pugliese (Napoli, 1982) è l’interconnesione tra una dimensione visiva e una acustica: la prima immediatamente afferrabile dallo sguardo (attraverso una forma fatta di cavi e di speaker); la seconda, dove invece il sonoro “trascina via la forma”, evocando una visione mobile, non ferma (“in-ferma”, per dirla con Platone), una transitività che determina lo svanire del concreto delle cose, della perentorietà degli spazi.
Il progetto elaborato per Studio La Città (Aritmetiche Architetture Sonore) si basa sull’inserimento in un software di dati ambientali, che vengono così trasformati in lughezze d’onda, in frequenze audio.

Il suono che ne esce esonera dalla necessità di toccare o misurare il luogo, perchè esso diventa “segno” del luogo stesso. Pugliese ci porta a fare un’esperienza che va al di là del puro ascolto, per introdurci a quel dire “che le parole non riescono a dire” (Nancy): essa ci fa sentire, ma anche sentir-ci, si espande nello spazio, ma apre anche a uno spazio proprio. È comunicazione del dentro e del fuori, divisione e partecipazione, distacco e contagio.


Luigi Meneghelli

 

Verona // fino all’11 agosto 2012
Roberto Pugliese – Aritmetiche Architetture Sonore
STUDIO LA CITTA’
Lungadige Galtarossa, 21
045 597549
www.studiolacitta.it

 

CONDIVIDI
Luigi Meneghelli
Laureato in lettere contemporanee, come critico d'arte ha collaborato e/o collabora a quotidiani (Paese Sera, L'Arena, L'Alto Adige, ecc.) e a riviste di settore (Flash Art, Le Arti News, Work Art in progress, Exibart, ecc.). Ha diretto e/o dirige testate culturali come Veronalive. Come curatore ha collaborato con spazi pubblici, tra cui Mart, Palazzo Forti, Museion e in occasione di mostre personali ha pubblicato saggi su Kantor, Novelli, Turcato, Vedova, Chiari, Fioroni, Boetti, Mambor, Masuyama, Hernandez, ecc. Ha curato mostre tematiche e di gruppo in Italia e all'estero, come La Pop Art Italiana, La Nuova Scuola Romana, L'Arte Povera, La Body Art. Si è interessato di Pubblic Art con esposizioni e dibattiti. E' stato selezionatore per il Triveneto delle nuove emergenze per riviste ed esposizioni. E' stato commissario italiano per la rassegna internazionale “Frontiera 92” (BZ) e commissario alla Biennale di Venezia (’93)… Insegna presso l'Accademia di Belle Arti di Verona.
  • angelov

    da chi avrà scopiazzato questa volta il nostro furbone?

    • Angelov

      Da chi abbia scopiazzato Pugliese non è dato sapere, per il momento.
      Ma tu è certo che hai scopiazzato il tuo pseudonimo da me.

    • Roberto Pugliese

      Perché non fai i commenti con il tuo vero nome? Cosa avrei scopiazzato in passato?