God save the music!

Oltre a essere stata una fotoreporter per molte riviste di musica, Janette Beckman ha testimoniato con i suoi scatti la mitica scena londinese dell’era Tatcher. Le sue foto sono in mostra alla Ono Arte Contemporanea di Bologna fino al 12 luglio.

Janette Beckman - Mod Kid Scotland - 1981

Londra tra fine Anni Settanta e metà Anni Ottanta vive un clima di fervida creatività, con la nascita di band e generi musicali che hanno fatto la storia. Il momento è unico: le sottoculture giovanili come quelle Punk, Mod, Skinhead, 2Tone e Rockabilly dettano le regole di un nuovo ed eterogeneo street style. Janette Beckman (Londra; vive a New York), che ha lavorato per riviste musicali come Melody Maker e The Face, ha puntato il proprio obiettivo non solo sulle acclamate band, ma anche sui ragazzi di strada. Emerge così una generazione rivoluzionaria, capace di crearsi da sé un proprio stile di vita e di cultura.

Elena Tonelli

Bologna // fino al 12 luglio 2012
Janette Beckman – Made in the UK
ONO ARTE CONTEMPORANEA
Via Santa Margherita 10
051 262465
[email protected]
www.onoarte.com

CONDIVIDI
Elena Tonelli
Nata a Trento nel 1985, dopo il diploma classico si è laureata in Storia e Tutela dei Beni Culturali nell’Ateneo di Padova con una tesi sulla critica tedesca a Fernand Léger (2008). Trasferita a Bologna per seguire la magistrale in Arti Visive, curriculum contemporaneo, si è laureata, di nuovo a pieni voti, con una tesi su Wolf Vostell (2011). Attualmente sta seguendo il primo anno della Scuola di Specializzazione in Beni Storico Artistici sempre presso l’Alma Mater Studiorum di Bologna. Da sempre interessata all’arte e agli eventi culturali, con particolare riferimento ai loro risvolti contemporanei, Elena ha collaborato con diversi Enti pubblici per l’organizzazione di eventi culturali e mostre. Nel 2008 presso la Galleria Civica Cavour per la mostra Novecento al museo (Padova), nel 2010 supporto per l’evento Draft. Performing Videoart and Music (Bologna, a cura di Silvia Grandi) e per la mostra ART//TUBE, L’arte alla prova della creativita’ amatoriale (Padova, a cura di Guido Bartorelli).