Mixed media alla Basilica di Santa Maria Maggiore

Prosegue l’occupazione dei matronei della Basilica di Santa Maria Maggiore a Bergamo. No, niente rivoluzioni, è l’arte contemporanea che come al solito si appropria dei luoghi più suggestivi. Stavolta i responsabili sono Alis/Filliol e Navid Nuur, che stanno in mostra fino all’8 luglio.

Ogni cosa a suo tempo II. Capitolo IV. Navid Nuur | Alis/Filliol - Basilica di Santa Maria Maggiore, Bergamo 2012

Secondo ciclo, quarto capitolo di Ogni cosa a suo tempo, progetto artistico e curatoriale che restituisce il dialogo fra tempo presente e storia nel luogo straordinariamente spirituale e simbolico dei Matronei della Basilica di Santa Maria Maggiore, in Città Alta a Bergamo. Una bipersonale per il duo torinese Alis/Filliol (Andrea Respino, Mondovì, 1976; Davide Gennarino, Pinerolo, 1979) e Navid Nuur, di stanza all’Aia (Teheran, 1976).

Spazio e opere si fondono, ed è necessario essere presenti in loco per intenderli: nulla appare “creato per” o “esposto in funzione di”, tutto è immanente. La presenza corporea dell’opera scultorea e la forte componente dell’esperienza del luogo come parte compiuta dell’esposizione sono due elementi cardine che caratterizzano la mostra, e l’intero ciclo.

Silvia Scaravaggi

Bergamo // fino all’8 luglio 2012
Ogni cosa a suo tempo II. Capitolo IV. Navid Nuur | Alis/Filliol
a cura di Stefano Raimondi e Mauro Zanchi
BASILICA DI SANTA MARIA MAGGIORE
Piazza Duomo
www.theblank.it

CONDIVIDI
Silvia Scaravaggi
Silvia Scaravaggi (Crema, 1979) è curatore d'arte indipendente, si occupa di scrittura d'arte e di progettazione culturale. Si è laureata in Teoria e Tecnica dei Mezzi di Comunicazione Audiovisiva alla Facoltà di Lettere dell'Università di Pisa e ha approfondito alcuni aspetti dei nuovi media alla Universiteit Van Amsterdam, nei Paesi Bassi. Si interessa di video, installazione, rapporto tra arte, scienza e tecnologia; cura selezionati progetti d'arte, con particolare attenzione al processo di costruzione di una dimensione collaborativa tra artista e curatore. Dal 2011 scrive per Artribune; dal 2005 fa parte del network di Digicult, pubblicando contributi per il magazine mensile Digimag. Per la Provincia di Cremona, dove lavora dal 2005, segue lo sviluppo del Distretto culturale provinciale, nell’ambito del progetto Distretti culturali ideato e realizzato da Fondazione Cariplo. Ha collaborato ad alcune edizioni di INVIDEO, mostra internazionale di video e cinema oltre, e a Techne05, mostra di installazioni interattive, a Milano.
  • andrea

    Una mostra bellissima, che non a caso si è meritata anche la recensione di artforum. Bellissime queste foto anche dell’allestimento!

  • mario

    non metto in dubbio che la mostra sia bella ma non certo per il fatto che la recensisce artforum