Judith Egger. Ripensare la natura

Ancora confronto con la natura. Stavolta la protagonista è Judith Egger, in mostra al sometimeStudio di Parigi fino al 6 giugno. L’esito di una residenza alla Lizières, nei pressi della capitale francese.

Residenza di Judith Egger presso Lizères, Epaux-Bézu 2012

Ciment bourbeux. Gegen die Vermullung der Welt raccoglie alla galleria sometimeStudio la produzione di Judith Egger, artista in residenza presso il centro di ricerche Lizières, a Épaux-Bézu, vicino a Parigi.
Lizières e sometimeStudio (entrambe di Ramuntcho Matta) coagulano al loro interno attività eterogenee volte a una contaminazione interdisciplinare; il lavoro site specific di Egger, fondato sul concetto di crescita e deterioramento degli elementi naturali, è in sintonia con le metodologie di lavoro delle due sedi. L’artista, lavorando sulla trasformazione dei materiali naturali trovati nel parco che circonda la residenza, ha elaborato opere che testimoniano un riordine della materia stessa.

Salvatore Davì

Parigi // fino al 6 giugno 2012
Judith Egger – Ciment bourbeux. Gegen die Vermullung der Welt
SOMETIMESTUDIO
26, rue Saint-Claude
[email protected]
www.sometimestudio.org

CONDIVIDI
Salvatore Davi
Salvatore Davì ha conseguito la Laurea in Scienza e Tecnologie dell’Arte nel 2009 presso l’Università degli Studi di Palermo, nel 2011 frequenta il Master in Curatore Museale presso lo IED di Roma conseguendo il diploma con un progetto che approfondisce il rapporto tra burocrazia, amministrazione pubblica, archivi e arte contemporanea. Egli ha incentrato le sue ricerche su artisti come Vettor Pisani, Gino De Dominicis e in ambito teatrale su figure come Carmelo Bene e la Compagnia Teatrale Krypton; Nel 2011 ha co-curato la mostra della quarta edizione del premio per giovani artisti “Talent Prize”, indetto dalla Guido Talarico Editore di Roma; nel 2012 ha curato la mostra personale di Francesco Costantino presso Zelle Arte Contemporanea di Palermo.
  • sergio iori

    sono perfettamente d’accordo con il concetto di natura dell’artsita. Auguri.