Fontana lo scultore. In ceramica

Tutto Fontana, ma soprattutto quello delle sculture in ceramica. Lavori dal 1937 al 1968 in mostra a Verona, allo Studio La Città. Una rassegna che chiude il 23 giugno.

Lucio Fontana - Concetto Spaziale - 1968

Quasi nascoste ci sono alcune fotografie scattate all’inaugurazione di una mostra dedicata a Lucio Fontana (Rosario, 1899 – Comabbio, 1968) e organizzata nella vecchia sede della galleria nel 1973. I quadri esposti allora sarebbero diventati i Fontana per eccellenza. L’evento attuale non è tuttavia da sottovalutare. Le opere presentate vanno dal 1937 al 1968, coprendo quindi tutto il percorso di ricerca e sperimentazione praticato dall’artista: dai disegni alle tempere, dalle ceramiche alle porcellane, dalle terrecotte ai mitici tagli. La maggior parte dei lavori sono però ceramiche o, meglio, sculture. Poiché Fontana si definiva proprio ‘scultore’ quando si confrontava con la ceramica o la terracotta. Da segnalare in mostra a Verona le ceramiche colorate e smaltate dei Concetti spaziali del 1962-64 e del 1963, I due uccellini in ceramica e la doppia Vittoria alata in ceramica smaltata del 1937.

Claudio Cucco

Verona // fino al 23 giugno 2012
Lucio Fontana
STUDIO LA CITTÀ
Lungadige Galtarossa 21
045 597549
[email protected]
www.studiolacitta.it

CONDIVIDI
Claudio Cucco
Claudio Cucco (Malles Venosta, 1954) attualmente è residente a Rovereto. I suoi studi di Filosofia sono stati fatti a Bologna, è direttore della Biblioteca di Calliano (TN) e critico d’arte. S’interessa principalmente di arte contemporanea e di architettura e dell’editoria legata a questi due linguaggi. Collabora con il quotidiano L’Adige, con la rivista Arte e Critica e la rivista Nuova Informazione Bibliografica, edita da Il Mulino. Dal 2011 fa parte dei collaboratori di Artribune, dopo aver collaborato per anni a Exibart e precedentemente a Tema Celeste.