Albert Oehlen e l’“altro”

Tappa italiana per Albert Oehlen. A Roma, da Gagosian, l’artista tedesco presenta lavori su carta di grandi dimensioni. La mostra è un po’ il negativo della sua personale newyorchese di qualche mese fa. Fino al 27 luglio.

Albert Oehlen - Untitled - 2012 - vourtesy Gagosian Gallery - photo Stefan Altenburger

Reduce da una personale newyorchese tenutasi sempre da Gagosian (su Madison Avenue) pochi mesi fa, con grandi dipinti arruffati e gestuali, coloratissimi ma anche gelidi, cristallizzati, che richiamano l’ultimo Francis Bacon, quello abbacinante degli Anni Ottanta, Albert Oehlen (Krefeld, 1954), artista in via di consacrazione nonché insegnante di pittura all’Accademia di Düsseldorf, approda a Roma proponendo lavori altrettanto ipertrofici, ma realizzati a carboncino, rigorosamente nero – anzi grigio – su bianco.
L’aspetto interessante dell’operazione è che, dotandoli di un effetto di straniante tridimensionalità, l’artista è riuscito a rendere questi disegni oversize – aniconici e minimali, “silenziosi” e filiformi -, non meno ininquadrabili dei suddetti interventi a olio su tela. Mostra più genuina di quanto appaia a prima vista, e che funziona come il “lato b” di certi vecchi album rock.

Pericle Guaglianone

Roma // fino al 27 luglio 2012
Albert Oehlen – Drawings
GAGOSIAN GALLERY
Via Francesco Crispi 16
06 42086498
roma@gagosian.com

www.gagosian.com

CONDIVIDI
Pericle Guaglianone
Pericle Guaglianone è nato a Roma negli anni ’70. Da bambino riusciva a riconoscere tutte le automobili dalla forma dei fanali accesi la notte. Gli piacevano tanto anche gli atlanti, li studiava ore e ore. Le bandiere erano un’altra sua passione. Ha una laurea in storia dell’arte (versante arte contemporanea) ma è convinto che nessuna immagine sia paragonabile per bellezza a una carta geografica. Da qualche anno scrive appunto di arte contemporanea e ha curato delle mostre. Ha un blog di musica ma è un pretesto per ingrandire copertine di dischi. Appena può si fionda in qualche isola greca. Ne avrà visitate una trentina.