Sogni infranti

Come se la passa il “sogno americano”? Dinanzi alla crisi, gli artisti reagiscono con la creazione di un mondo personale e governabile, un luogo in cui trovare rifugio. Una mostra alla Strozzina di Firenze parla di realtà e immaginazione nell’arte americana. Fino al 15 luglio.

Thomas Doyle - Acceptable losses - 2008 - courtesy of Amanda Erlanson

Esiste ancora il sogno americano? Resiste di fronte alle problematiche che affliggono la società statunitense? L’attuale instabilità degli Stati Uniti e dell’american dream è tradotta dagli artisti esposti in differenti forme, volte ad esprimere il medesimo sentimento di inadeguatezza connesso alla perdita del controllo sul proprio mondo. Dinanzi allo stravolgimento di tutte le sicurezze, a partire da quelle di base, come la casa e il lavoro, la rappresentazione artistica non può che rispecchiare uno stato di smarrimento e disagio generale. Come osserva Franziska Nori, direttrice de La Strozzina, questo “ritiro dal reale non si traduce in un ritiro autobiografico, in un isolamento personale o in un approccio di stampo diaristico”, quanto piuttosto in un ritorno nel privato per riflettere su una crisi collettiva.

Richard Deon - Death in the Long Grass - 2001 - courtesy the artist

Una possibile risposta è offerta dalla rappresentazione simbolica di una società minacciata dall’inquietudine dettata dalla perdita delle proprie certezze. Thomas Doyle crea microcosmi di piccole dimensioni che offrono allo spettatore una visione a 360 gradi. Onnicomprensività che si rivela ben presto illusoria, poiché questi diorami rivelano, a uno sguardo più attento, situazioni catastrofiche e inquietanti. Simbolo chiave della rappresentazione è la villetta unifamiliare che ritorna anche negli “affreschi mobili” di Adam Cvijanovic, i cui sogni pittorici alternano a mondi esplosi di antonioniana memoria, panorami di periferie urbane in costruzione o in rovina.
Una differente risposta è costituita dalla fuga in una dimensione fantastica, immaginaria, onirica. Una fuga presentata da Adrien Broom come ambivalente: può liberare in uno stato di estasi e di grazia ma anche immobilizzare, annegare, annullare. Christy Rupp e Kirsten Hassenfeld, costruendo le loro opere con materiali di scarto, si oppongono alla logica consumistica. Se la prima se ne serve per una critica all’approccio utilitaristico dell’uomo nei confronti della natura, la seconda crea fragili sculture che sembrano appartenere a un mondo incantato.

Will Cotton - Consuming Folly - 2009-10 - courtesy private collection and Galerie Daniel Templon, Paris - photo B. Huet/Tutti

Nei suoi dipinti Will Cotton associa riferimenti colti a elementi tratti dalla cultura popolare, per suscitare nello spettatore il desiderio di evasione e consumo, verso mondi di dolciumi e figure femminili maliziosamente sospese su cieli rosati. Secondo Bartholomew F. Bland, curatore della mostra, dalla volontà di creare una realtà dai confini manipolabili e controllabili possono scaturire opere connesse all’idea di guscio o elementi grandiosi finalizzati a costruire un’intera società di fantasia. Alla possibile realizzazione del sogno americano sembra sostituirsi un terrore ostacolabile soltanto mediante l’immaginazione dei sognatori americani, che si rifugiano in desideri alternativi a un futuro sempre meno controllabile.

Laura Poluzzi

Firenze // fino al 15 luglio 2012
American Dreamers
a cura di Bartholomew F. Bland
Catalogo Silvana Editoriale
CCCS – CENTRO DI CULTURA CONTEMPORANEA STROZZINA
Piazza Strozzi
055 3917137
[email protected]
www.strozzina.org

 

CONDIVIDI
Laura Poluzzi
Nata a Firenze, classe ’85, dopo una tesi in Estetica Contemporanea si trasferisce a Parigi dove lavora per due gallerie di arte contemporanea. Parallelamente comincia a collaborare con riviste di arte e informazione culturale. Tornata a Firenze decide di seguire un doppio binario diplomandosi allo IED Firenze mentre porta avanti gli studi universitari in Filosofia, approfondendo tematiche relative ai mutamenti insiti nella società contemporanea. Tra i fondatori di FablabFi, si divide tra la città natale e Milano, dove frequenta, da settembre 2012, il Master in Interaction Design presso la Domus Academy. All'attività di Graphic Designer Freelance unisce quella di collaboratrice della rivista Artribune, per le rubriche di Design e Arte Contemporanea. Tra i principali interessi di ricerca, l'Interaction Design, il Visual Design e la Social Innovation.