Nel nome del padre

Un intenso e complesso rapporto col babbo. Da lì nasce e si sviluppa tutto il lavoro di Jonny Briggs. Ma non è la solita storia post-adolescenziale. Da vedere alla FaMa Gallery di Verona, fino al 26 maggio.

Jonny Briggs - Super Natural - 2012

Jonny Briggs, ventisettenne di Berkshire, lavora con suo padre. Nel senso che il padre compare in molte delle sue foto, ne è il soggetto, e attorno alla sua figura e al rapporto complesso instaurato con essa ruota tutto il lavoro del giovane artista. La costruzione della propria identità è il processo messo in scena nelle opere.
Al centro delle rappresentazioni di Jonny Briggs c’è sempre una declinazione dell’idea di “eredità”. In Un-seeing (2012), ad esempio, una visione solare e “autentica” del bosco taglia al centro il grande paesaggio spettrale; da destra, come uno di quei personaggi del teatro e degli affreschi rinascimentali che funzionavano da “indicatori”, da collegamento tra la dimensione degli spettatori e quella della fantasia, la figura tragica e inquietante di questo padre.
Ancora più esplicito, in questo senso, è Portal (2011): al centro di un interno completamente oscurato da un nero bituminoso, emerge il medesimo segno. L’unica porzione di pelle “viva” è quella attorno all’occhio. L’unico tratto “vero” in questo quadro di ombre ci guarda fisso.

Jonny Briggs - Natural Inside - 2011

Il nucleo di questa attività risiede in quello che Sigmund Freud definì Unheimlich: “Il perturbante è quella sorta di spaventoso che risale a quanto ci è noto da lungo tempo, a ciò che ci è familiare”.  Il padre è così, per Briggs, una funzione del suo rapporto con il mondo. Controllando suo padre nella gestione di queste fotografie, Briggs cerca di controllare ciò che tende sempre a sfuggire, a sopraffarci, ad agirci. Cerca di tenere insieme i pezzi.
Questo procedimento è in atto ovunque, nelle fotografie di Briggs: in Supernatural (2012) le gambe della madre sono sovraccaricate, rese più vere del vero, come l’erba artificiale su cui posano; in Smilin Inside (2011), l’artista ride all’interno del guscio ricavato con il viso del padre, e questa risata si trasforma in un ghigno; in Shoe (2011), un calco in vetro della sua prima scarpa, Briggs cerca di cristallizzare la parte più impermanente e al tempo stesso più importante nella vita di ognuno, l’infanzia.

E nella bellissima serie Schisms (2011), memore forse delle foto rivelatrici del piccolo Cole nel film Il sesto senso, le immagini familiari tagliano in profondità e con acutezza i fantasmi autobiografici: il volto dell’artista-bambino si sovrappone di volta in volta al corpo della sorella, a quello di un cane, o al vuoto.

Christian Caliandro

Verona // fino al 26 maggio 2012
Jonny Briggs – Familiar / Familial
FAMA GALLERY
Corso Cavour 25/27
045 8030985
[email protected]
www.famagallery.com

CONDIVIDI
Christian Caliandro
Christian Caliandro (1979), storico dell’arte contemporanea, studioso di storia culturale ed esperto di politiche culturali, insegna storia dell’arte presso l’Accademia di Belle Arti di Foggia. È membro del comitato scientifico di Symbola Fondazione per le Qualità italiane. Ha pubblicato “La trasformazione delle immagini. L’inizio del postmoderno tra arte, cinema e teoria, 1977-’83” (Mondadori Electa 2008), “Italia Reloaded. Ripartire con la cultura” (Il Mulino 2011, con Pier Luigi Sacco) e “Italia Revolution. Rinascere con la cultura” (Bompiani 2013). Cura su “Artribune” le rubriche inpratica e cinema; collabora inoltre regolarmente con “La Gazzetta del Mezzogiorno”, “minimaetmoralia”, “che-Fare”. Ha curato mostre personali e collettive, tra cui: “The Idea of Realism // L’idea del realismo” (2013, con Carl D’Alvia), “Concrete Ghost // Fantasma concreto” (2014), entrambe parte del progetto “Cinque Mostre” presso l’American Academy in Rome; “Amalassunta Collaudi. Dieci artisti e Licini” presso la Galleria d’Arte Contemporanea “Osvaldo Licini” di Ascoli Piceno (2014); “Sironi-Burri: un dialogo italiano (1940-1958)” presso lo spazio CUBO (Centro Unipol Bologna, 2015); “RIFTS_Abate, Angelini, Veres” (Artcore, Bari 2015); “Opera Viva Barriera di Milano” (Torino 2016); “La prima notte di quiete” (i7-ArtVerona, 2016).