Luce, atto terzo

Tutto muta. Se nel 2007 la luce di Ann Veronica Janssens sonda la metafisica dell’(in)esistente, e nel 2010 indaga la fisica della materia, nel 2012 i suoi raggi scrivono la poesia dell’(in)sostenibile pesantezza dell’essere. Da Artiaco a Napoli, fino al 12 maggio.

Ann Veronica Janssens - Untitled – 2012 - frame da video

1951-52, Lucio Fontana, Concetto Spaziale, olio e lustrini su tela: la luce riflessa fa levitare ed espande la spazialità, già liberata dal 2d nell’urlare del vuoto attraverso gli squarci della tela. 2012, Ann Veronica Janssens (Folkestone, 1956), Kinshasa, blocchi di cemento e glitter: pur nella rinfrescata terminologia dell’impalpabile polvere riflettente, analogo è il cuore della ricerca: rendere lieve, ed evanescente, ciò che è intrinsecamente terragno e viscerale, ancoramento e radicamento.

Smaterializzare ciò che esiste definitamente, materializzare dal nulla ciò che definito ed esistente non è: peso, forma, colore, spazio, disegno, ogni qualità genetica della materia perde e sconfessa la propria identità, per ricercarsi e ritrovarsi altra. Se l’essere è invariato, e a mutare è solo la nostra percezione di esso, è nel lirico metalinguismo lo spazio espanso della libertà e della sperimentazione.

Diana  Gianquitto

Napoli // fino al 12 maggio 2012
Ann Veronica Janssens
GALLERIA ALFONSO ARTIACO
Piazza dei Martiri 58
081 4976072
[email protected]
www.alfonsoartiaco.com

CONDIVIDI
Diana Gianquitto
Sono un critico, curatore e docente d’arte contemporanea, ma prima di tutto sono un “addetto ai lavori” desideroso di trasmettere, a chi dentro questi “lavori” non è, la mia grande passione e gioia per tutto ciò che è creatività contemporanea. Collaboro stabilmente con Artribune dal suo nascere, dopo aver militato fino al 2011 in Exibart. Curo rassegne, incontri, mostre, corsi, workshops e seminari in collaborazione, tra gli altri, con il Pan – Palazzo delle Arti Napoli, il Forum Universale delle Culture 2010, la Facoltà di Sociologia dell’Università degli Studi di Napoli Federico II, l’Accademia di Belle Arti di Napoli, l’Università Parthenope e le gallerie Overfoto e Al Blu Di Prussia. Sono da anni ideatrice, curatrice e docente di corsi e laboratori di avvicinamento all’arte contemporanea in numerosi enti culturali, condotti secondo una metodica sperimentale da me ideata che sintetizzo sotto il label di CCrEAA - Comprensione CReativa e Empatico Ascolto dell'Arte e che mira a promuovere un ascolto empatico dell’arte allo scopo di una sua comprensione, comunicazione, divulgazione e veicolazione più profonda e incisiva. La mia ricerca è orientata in particolare verso le forme espressive legate alle tecnologie digitali, all’immateriale, alla luce e all'evanescenza, a un’evocazione di tipo organico, a una ricognizione olistica del senso antropico ed esistenziale capace di armonizzare indagine estetica, sensoriale, cognitiva, emotiva e relazionale. [ph: Giuliana Calomino (particolare)]