La Cina in video

La videoarte cinese è di scena, fino al 29 luglio, al Centro per l’arte contemporanea Luigi Pecci di Prato, la città con la maggior comunità cinese d’Italia. Una panoramica che va dalle prime sperimentazioni alle ultime realizzazioni, che sfruttano le nuove tecnologie.

Moving Image in China 1988-2011 - veduta della mostra presso il Centro Pecci, Prato 2012

È in corso al Centro Pecci di Prato Moving Image in China 1988-2011, la prima grande mostra sulla storia della videoarte cinese: divisa in quattro sezioni temporali, l’esposizione propone una panoramica completa sull’evoluzione di un’arte che in Cina è iniziata molto più recentemente rispetto all’occidente, quando ha iniziato a diffondersi nelle case la televisione, cioè alla fine degli Anni Ottanta. Si può individuare il punto di partenza di questa avventura nel 1988 con 30×30, opera di Zhang Peili qui esposta, in cui l’artista rompe e riassembla più volte, per ben 180 minuti, uno specchio di 30 x 30 cm. Peili si può considerare il padre della videoarte cinese; ha inaugurato una prima fase sperimentale e concettuale, che fa delle limitate possibilità di realizzazione ed esposizione la sua forza.

Moving Image in China 1988-2011 - veduta della mostra presso il Centro Pecci, Prato 2012

La nuova tendenza non diviene però fenomeno fino a quando, nel 1996, non viene allestita ad Hangzhou la mostra Phenomen/image: Chinese Video Art Exhibition. Fra le opere esposte, Baby Talk di Wang Gongxin emerge come prima installazione video realizzata con un proiettore digitale: all’interno di una culla sono proiettati i volti dei parenti ripresi mentre osservavano il figlio appena nato dell’artista, immergendo lo spettatore in una dimensione di relatività continua. Non manca il riferimento al caratteristico e spesso alienante tessuto sociale e urbano cinese con opere come Recycling Cinema di Ellen Pau, Shouting di Xu Zhen e Untitled (The Dancing Partner) di Liu Chuang. Fra i tanti video esposti, spicca poi Yejiang/The night Cometh di Yang Fudong, il videoartista cinese più noto: la radice storica e simbolica della Cina è inserita in un paesaggio spettrale e fantastico in un’opera che il regista definisce “neorealista” nella sua commistione di passato e presente, proiettata in una dimensione senza tempo.

Moving Image in China 1988-2011 - veduta della mostra presso il Centro Pecci, Prato 2012

Fra i lavori più onirici dell’ultima sezione, risalta Last Experimental Flying Object di Ye Linghan, mentre Cao Fei, con Cosplayers, fa irrompere nella realtà la nuova generazione che vive in una dimensione “altra”, virtuale. Da non dimenticare poi i significativi lavori in cui il video è realizzato con la pittura e il disegno. Il percorso si chiude con Not too late di Feng Mengbo: in un collegamento fra passato e futuro. L’artista, punto di riferimento per l’utilizzo dei media digitali, fa interagire l’esperienza calligrafica cinese con quella generata dall’intelligenza di un robot.
La mostra è stata presentata per la prima volta nel settembre dello scorso anno a Shanghai presso il Minsheng Art Musemum, che l’ha prodotta in collaborazione con il Pecci.

Gianmarco Caselli

Prato // fino al 29 luglio 2012
Moving Image in China 1988-2011.Vent’anni di video arte cinese
a cura di He Juxing, Guo Xiaoyan, Zhou Tiehai e Marco Bazzini
catalogo Silvana Editoriale
CENTRO PER L’ARTE CONTEMPORANEA LUIGI PECCI
Viale della Repubblica 277
0574 5317
[email protected]
www.centropecci.it

CONDIVIDI
Gianmarco Caselli
Gianmarco Caselli da fine 2008 si è affermato come compositore: le sue musiche sono state eseguite in Festival e contesti di prestigio in Italia e all'estero come alla Carnegie Hall di New York, al Centre de Cultura Contemporània de Barcelona, a Berlino, Kiel, Città del Messico, Uruguay, Argentina, California, Istituti Italiani di Cultura di Amsterdam, Copenaghen, Amburgo, Londra. Alcune sue composizioni si sono affermate in concorsi internazionali e gli è stata commissionata la composizione di musiche da parte di esecutori, ensamble, o per video e eventi utilizzando sia l’elettronica che gli strumenti tradizionali. Collabora da anni con il Centro studi Giacomo Puccini di Lucca. Come giornalista critico musicale, critico d'arte e teatrale, realizza interviste e recensioni.