Welcome to Jeremyville

Leggerezza assicurata nelle narrazioni che Jeremyville, artista e product designer, strappa dal proprio diario personale. Brevi, immediate. E visibili presso The White Gallery di Milano, fino al 28 aprile. Cultori del pop, siete avvisati.

Jeremyville - Untitled

Fumi densi come salsicciotti, ombre parlanti. E un cumulo di personaggi dall’espressione seria e dalla forma tondeggiante, un po’ buffa. Sono i personaggi che popolano le pagine del diario in cui Jeremyville (Australia, 1973; vive a New York) ci lascia entrare, in occasione della sua seconda personale meneghina. In fogli A4 espansi prendono vita momenti di contraddizione; i tratti sintetici di uno degli illustratori più in voga in America possono creare caos, simile a quello dei sogni. Ma il caos richiede solo che si guardi più da vicino, forse. Elementi stilistici tipici di Jeremyville, come teschi o organi vitali, s’insinuano misteriosamente in quadretti romantici. Ma d’altronde è l’underground newyorchese a far da contorno e il trash in pillole è d’obbligo. La chicca? Un quotidiano interamente firmato dall’artista.

Lucia Grassiccia

Milano // fino al 28 aprile 2012
Jeremyville  New York Art Diary
THE WHITE GALLERY
Via Casati 26
346 0215837
[email protected]
www.thewhitegallery.it

 

CONDIVIDI
Lucia Grassiccia
Lucia Grassiccia è nata a Modica (RG) nel 1986. Dopo una formazione tecnico-linguistica ha studiato presso l’Accademia di belle arti di Catania, dove ha contribuito a fondare e dirigere un webzine sperimentale (www.hzine.it) gestito da un gruppo di allievi dell’accademia. Per hzine ha svolto principalmente attività di giornalista, titolista, editing. Dal 2008 scrive saltuariamente per il quotidiano web locale Nuovascicli Ondaiblea, soprattutto recensioni su libri e mostre. Nel 2010 inizia la collaborazione con Exibart che a breve si sospende e prosegue con la redazione di Artribune. Cura saltuariamente i testi critici per alcune associazioni e gallerie (vedi The White Gallery, Milano). Nel 2013 pubblica il romanzo ebook Elevator (Prospero Editore) e inizia a collaborare occasionalmente con la rivista Look Lateral. Nello stesso anno completa gli studi in arteterapia clinica presso la scuola Lyceum Vitt3. Attualmente vive a Milano.