Lookouts

In Galleria De Cardenas a Milano, 18 gouache su carta irrompono alle pareti. I colori profondi dei collage di Francesca Gabbiani dettano proporzioni e posizioni di strutture utopiche. Ogni “vedetta” posta al centro del foglio si isola e infine avvista – fino al 28 aprile – mondi ulteriori.

Francesca Gabbiani - Ziggurat - 2012

Sebbene le loro dimensioni non superino i 60 centimetri, il bianco delle pareti attorno pulsa. Le gouache di Francesca  Gabbiani (Montréal, 1965; vive a Los Angeles) invadono le superfici dei muri e concentrano i colori fra gli orli di ricercati collage. I diversi livelli di carta sovrapposti donano alle architetture utopiche della Gabbiani un volume strutturale e una prospettiva mnestica; mentre i blu, i rossi e i neri, saturi, ne evidenziano la dedita singolarità. Lookouts si ispira alle immagini di postazioni della breve esperienza di Taylor Camp (1969). Un terreno sul quale, negli Anni Settanta, una comunità hippy costruì case sugli alberi, un sistema per l’acqua corrente e servizi igienici per coltivare la terra e vivere in autonomia. Tra memoria storica e memoria intima, i paesaggi alle pareti rievocano luoghi della memoria oggi skyline e simboli di ricordi.

Ginevra Bria

Milano // fino al 28 aprile 2012
Francesca Gabbiani – Lookouts
GALLERIA MONICA DE CARDENAS
Via Francesco Viganò 4
02 29010068
[email protected]
www.monicadecardenas.com

CONDIVIDI
Ginevra Bria
Ginevra Bria è critico d’arte e curatore di Isisuf – Istituto Internazionale di Studi sul Futurismo di Milano. E’ specializzata in arte contemporanea latinoamericana. In qualità di giornalista, in Italia, lavora come redattore di Artribune e Alfabeta2. Vive e lavora a Milano.