Le vie dei capelloni sono infinite

Sembra non finire mai l’influenza estetica della cultura lisergica degli Anni Settanta. E tanto è potente il suo appeal che anche un pittore di ultima generazione come Stefano Cumia non può non citarla. Da Cannaviello a Milano, fino a domani 14 aprile.

Stefano Cumia – 29 febbraio - veduta della mostra presso lo Studio Cannaviello, Milano 2012

Pur essendo nato negli Anni Ottanta, Stefano Cumia (Palermo, 1980; vive a Milano) si presenta in mostra con una serie di lavori che sembrano più che altro il racconto della vita quotidiana degli hippie del decennio precedente. Quasi mutuando lo stile e l’iconografia tipica di certe copertine dei dischi di rock progressivo, il giovane pittore siciliano rimette infatti in moto quell’estetica psichedelica costruita intorno alle tonalità forti, pure, impastate a grandi linee, spesso concentrata nel ritrarre situazioni collettive. Fosse ancora fra noi, Andrea Pazienza potrebbe ritrovare un po’ del suo mondo – e un po’ di quel suo folle modo di fare quadri con i pennarelli scarichi – in questi ritratti di giovanotti barbuti e capelloni, esemplari tipici della sua generazione bruciatasi prestissimo, ma certo non potrebbe capire nulla di quelle attuali. Siamo ancora una volta davanti al caso di una buona pittura imprigionata nella malinconia, lontana dal reinventarsi, assecondando magari le benedette pulsioni contemporanee.

Max Mutarelli

Milano // fino al 14 aprile 2012
Stefano Cumia – 29 febbraio
STUDIO D’ARTE CANNAVIELLO
Via Stoppani 15
02 87213215
[email protected]
www.cannaviello.net

CONDIVIDI
Max Mutarelli
Massimiano Mutarelli nasce nella primavera del 1977 a Lambrate, quartiere storico di Milano. A vent’anni, con l’iscrizione all’Accademia di Brera, corona il sogno di poter entrare nel magico mondo dell’Arte. In realtà è un periodo turbolento, sospeso fra gli esami ed i primi lavori da redattore, di giorno, e di barista, la notte, ma nonostante tutto riesce a prendere quelle poche gocce di splendore che l’accademia riesce a regalare: grazie ad Alberto Garutti ed a Francesco Poli affina le proprie conoscenze intorno al cruciale mondo dell’arte contemporanea, mentre continua a scrivere per alcune testate sul web. Laureatosi in Arti Visive con una tesi sul rapporto fra politica e fascismo, dopo un master in pedagogia dell’arte sta cercando di concludere il suo percorso di studi specializzandosi in Discipline artistiche ed archeologiche presso l’Università di Verona, sempre alternando i libri alle docenze occasionali in vari master universitari, alle collaborazioni con riviste ed alla gestione di un noto pub all’avanguardia