Il ritorno degli zombie

Di questi tempi sono più temibili i vivi mortali o i morti viventi? La domanda nasce dalla visita alla mostra di Gavin Russom, che torna a Napoli in solitaria per un progetto che si ispira al cinema di Lucio Fulci. Alla galleria Fonti fino al 10 aprile.

Gavin Russom - Zombi (Scratch Mix) - veduta della mostra presso la Galleria Fonti, Napoli 2012

Dopo la rottura del sodalizio con la visionaria Delia Gonzalez nel 2007, Gavin Russom (Providence, 1974; vive a New York) torna a Napoli per presentare la sua prima personale, negli spazi della Galleria Fonti. Ispirata alla scena di apertura di Zombi 2, cult movie del 1979 realizzato dal poeta del macabro Lucio Fulci, la mostra Zombi (scratch mix) mira a evocare la visione contrastante della grande città industriale, di cui le Twin Towers restano un simbolo storico, con la barca degli zombie che proviene dalla giungla.

Le due sculture a torre della prima sala, che si contrappongono al natante della sala successiva, inventano una narrazione abbozzata, declinata con un linguaggio semplice e grossolano, che finisce con l’allontanare la sua essenza più autentica. Anche i sette disegni affissi alle pareti, malvestiti e volgari nella tensione cromatica, non aiutano a suggerire la riflessione cercata. L’osservatore può uscirne quasi indispettito, lievemente accarezzato da una musica ambient e dalle sue vibrazioni atmosferiche e naturali appositamente create per l’occasione, con in testa l’unica domanda: oggi sono più temibili i vivi mortali o i morti viventi?

Ivana Porcini

Napoli // fino al 10 aprile 2012
Gavin Russom – Zombi (scratch mix)
GALLERIA FONTI
Via Chiaia 229
081 411409
[email protected]
www.galleriafonti.it

CONDIVIDI
Ivana Porcini
Ivana Porcini (Napoli 02/08/71), laureata in lettere moderne e conservazione dei beni culturali. Specializzata in storia dell’arte, docente di Pedagogia dell’arte presso l’università Suor Orsola Benincasa di Napoli, scrittrice, docente di italiano e latino, gallerista. Ha curato numerose mostre di arte antica e contemporanea e partecipato a diversi corsi intensivi di formazione didattica all’arte, in particolare Artebambini a Bologna e Associazione Bruno Munari con Beba Restelli a Milano.
  • beapa

    Mi sa che il vero zombie è proprio l’artista.