Rovine brechtiane. Da Torino a Berlino

In onore di Bertolt Brecht, Eva Frappicini e Franziska Hauser si scambiano di luogo e indossano i panni del rivoluzionario Johann Fatzer, raccontando i luoghi desolati e inumani di Berlino e Torino. Al Goethe Institut fino al 4 aprile.

Eva Frapiccini - Stay

Il Goethe Institut di Torino, in occasione del Brecht Camp 2 – sette giorni di manifestazioni artistiche e culturali dedicate al grande drammaturgo tedesco – ha raccolto in una doppia personale gli interventi fotografici incrociati di Eva Frapiccini (Recanati, 1978), torinese d’adozione, che ha documentato la presenza di una donna dal viso avvolto in un’ingombrante maschera antigas tra le rovine e i palazzi ultramoderni di Berlino, e di Franziska Hauser (Berlino, 1975), la quale ha invece cercato le stesse rovine nel capoluogo piemontese, decostruendone l’immagine attraverso sovrapposizioni e ribaltamenti e, al contrario dell’italiana, svuotandole della presenza umana.
Filo conduttore dei due interventi è il rivoluzionario brechtiano Johann Fatzer, vagabondo tanto idealista quanto egoista, che, in costante lotta contro l’inumanità imperante, rovinosamente ne viene fagocitato.

Andrea Rodi

Torino // fino al 4 aprile 2012
Eva Frapiccini e Franziska Hauser – Essere deboli è umano e perciò deve cessare
GOETHE INSTITUT TURIN
Piazza San Carlo 206
011 543830
schladen@turin.goethe.org
www.goethe.de/ins/it/tur/itindex.htm

CONDIVIDI
Andrea Rodi
Andrea Rodi nasce a Chieri (TO), nel 1980. Prima di laurearsi in Filosofia presso l’Università degli Studi di Torino, con una tesi sulle influenze filosofiche nell’opera dello scrittore americano Paul Auster, ha vissuto per lunghi periodi negli Stati Uniti, a Londra e a Barcellona. Dal 2009 collabora con il MACA (Museo Arte Contemporanea Acri), per il quale ha curato le mostre Project: Lid for a Submerged Wolrd (2010), Silvio Vigliaturo. Amazzoni (2011) e Young at Art, I stay Here (2012). Negli ultimi due anni ha scritto per diverse testate nel settore dell’arte contemporanea. Attualmente, lo si può leggere su Artribune, Inside Art e sul sito Atlantidezine.it. I suoi articoli sono raccolti sul blog http://torinocult.com.