Non c’è amore senza sesso

La OltreDimore di Bologna spinge sull’acceleratore. E fino al 3 marzo racconta di amanti e “fottitori”, attraverso i media che più mixed non si può di Ivana Spinelli.

Ivana Spinelli - Loverrs/Fuckerrs - veduta della mostra presso la Galleria OltreDimore, Bologna 2012

Gente che ama, gente che fotte. Nessuna volgarità, solo il titolo della mostra di Ivana Spinelli, che per calcare la mano aggiunge una doppia “R”. D’altronde, ci dice l’artista picena, classe 1972, è così che gira il mondo. Tra rapporti umani puntualmente utilitaristici, relazioni che implicano lo sfruttamento reciproco, un confronto uomo/donna che racchiude giochi di potere e subalternità. Quando poi ci si mettono di mezzo media, propaganda, politica e tv, la frittata è bella che fatta. Che la Spinelli esageri? Non la pensa così il curatore, Raffaele Gavarro, che insieme a lei orchestra un calembour mixed media fatto di ceramiche, fotografie, disegnetti stilizzati stagliati su foglia d’oro – neanche fossimo di fronte a un mosaico ravennate -, video, superfici retroilluminate, piccole istallazioni che trasudano sofferenza. Tra tutte, si fa riconoscere un puntaspilli minuto, infilzato alla bell’e meglio come una bamboletta voodoo. Richiamando i piccoli grandi malefizi che, da che mondo e mondo, il corpo della donna attrae su di sé.

Santa Nastro

Bologna // fino al 3 marzo 2012
Ivana Spinelli – Loverrs/Fuckerrs
a cura di Raffaele Gavarro
GALLERIA OLTREDIMORE
Piazza San Giovanni in Monte 7
051 6449537
[email protected]
www.oltredimore.it


CONDIVIDI
Santa Nastro
Santa Nastro è nata a Napoli nel 1981. Laureata in Storia dell'Arte presso l'Università di Bologna con una tesi su Francesco Arcangeli, è critico d'arte, giornalista e comunicatore. Attualmente è membro dello staff di direzione di Artribune. È inoltre autore per il progetto arTVision – a live art channel, ufficio stampa per l’American Academy in Rome e Responsabile della Comunicazione della Fondazione Pino Pascali. Dal 2011 collabora con Demanio Marittimo.KM-278 diretto da Pippo Ciorra e Cristiana Colli, con Re_Place, Mu6, L’Aquila e con Arte in Centro. Dal 2006 al 2011 ha collaborato alla realizzazione del Festival dell'Arte Contemporanea di Faenza, diretto da Angela Vettese, Carlos Basualdo e Pier Luigi Sacco. Dal 2005 al 2011 ha collaborato con Exibart nelle sue versioni online e onpaper. Ha pubblicato per Maxim e Fashion Trend, mentre dal 2005 ad oggi ha pubblicato su Il Corriere della Sera, Arte, Alfabeta2, Il Giornale dell'Arte, minima et moralia e saggi testi critici su numerosi cataloghi e pubblicazioni.