Edificare con la carta, plasmare con la creta

Materiali poveri e disegno tecnico, architettura e terracotta. In mostra alla Galleria Rubin di Milano, fino al 14 aprile, un’artista dalla tecnica antica e controcorrente. In un’immaginaria ambientazione razionalista popolata da studenti e skater.

Paola Margherita - Step 2

Ci vuole personalità per recuperare tecniche completamente fuori moda (la matita su cartoncino, la terracotta in forma “refrattaria”, grezza), rielaborarle trasformando i disegni in sculture a tre dimensioni e applicarle a un immaginario personale che appare, invece che anacronistico, senza tempo. Il mondo di Paola Margherita (Roma, 1970; vive a Pozzuoli) è un mondo sospeso, come i suoi breakdancer siderati a mezz’aria nel momento clou dell’evoluzione o gli edifici deserti strutturalmente prossimi ai canoni del razionalismo Anni Trenta e Quaranta ed empaticamente evocativi della pittura metafisica. È facile immaginare tra figure e luoghi un’interazione e una separazione ontologica, come tra gli attori e le quinte dipinte di un teatro.

Alessandro Ronchi

Milano // fino al 14 aprile 2012
Paola Margherita – Opere Recenti
GALLERIA RUBIN
Via Bonvesin de la Riva 5
02 36561080
[email protected]
www.galleriarubin.com

CONDIVIDI
Alessandro Ronchi
Alessandro Ronchi (Monza, 1982) è critico d’arte e giornalista culturale. Si interessa specialmente di arte dalle origini alla contemporaneità, iconografia, cinema, letteratura, musica e pop culture. Ha diretto il mensile Leitmotiv e collabora con testate giornalistiche, website e gallerie. Tiene corsi di cinema e cultura visiva presso istituti scolastici. Fa parte dello staff redazionale di Artribune dalla fondazione nel 2011.