C’era una volta la fotografia giapponese

Una mostra eccezionale, la più grande e accurata mai vista in Italia sulla fotografia giapponese del periodo Meiji. Accompagnata da un catalogo altrettanto curato. A Venezia, nelle sale dell’Istituto Veneto di Scienze, Lettere e Arti, fino al 1° aprile.

Tamamura Kozaburo - Geisha che gioca con una palla legata ad un filo - 1900 ca.

Al visitatore che si appresti a visitare la mostra La Fotografia del Giappone suggeriamo, non appena sulla soglia, di pronunciare: “Mukashi mukashi”, espressione traducibile con il nostro “C’era una volta”. E la favola è servita.
Come avviene in ogni favola, anche questa possiede il suo fondo di verità, e non potrebbe essere altrimenti, considerato che fotografia in giapponese si dice shashin, cioè “copia dal vero”. Verosimile è infatti l’armoniosa linea “pagodica” del monte Fuji, la geometria astratta dei paesaggi boschivi e dei panorami urbani. Simile al vero è pure il lavoro degli uomini e delle donne nelle risaie e nei campi, dei venditori ambulanti, dei portatori di palanchini. Shashin è anche la “sublime bellezza” dell’universo femminile: donne dall’incarnato pallido e dalle vesti colorate, intente in occupazioni muliebri o alla toeletta, “cosini che si possono mangiare” nell’immaginario maschile occidentale. E pure “copie dal vero” sono i samurai, i lottatori di sumo e i preti shintoisti e buddisti. Tutto un mondo, insomma, che di fronte alla repentina modernizzazione del Paese ha voluto lasciare traccia perenne della sua tradizione e della sua storia.

Ogawa Kazumasa - Fiori di loto - 1890 ca.

Si tratta della mostra più esaustiva (dal punto di vista quantitativo e qualitativo) organizzata finora in Italia sugli esordi della fotografia giapponese durante il periodo Meiji ed è frutto di un’accurata indagine storico-critica della quale si dà conto nel prezioso catalogo (Ineffabile Perfezione: la fotografia del Giappone 1860-1910). La dovizia di testimonianze storiche, ideologiche, letterarie e tecnico- artistiche raccolte nei saggi critici di Francesco Paolo Campione e Marco Fagioli, anche curatori della mostra, non lascia spazio alle incertezze.
Dallo studio del rapporto tra la stampa ukiyo-e e la fotografia emergono contaminazioni e discendenze reciproche. È possibile trovare le opere della Scuola di Yokohama con il suo capofila il fotografo Felice Beato, e di tutti gli altri grandi protagonisti, sia stranieri, come Adolfo Farsari e il barone Raimund Von Stillfried-Ratenicz, che locali, quali il versatile Kusakabe Kimbei o il raffinato Ogawe Kazumasa, i cui collotipi, close-up di fiori finemente colorati, riprodotti con speciale tecnica priva di retinatura, impressionano lo sguardo.
E colpisce anche apprendere che nel laboratorio di Tamamura Kozaburo, per la coloritura delle albumine, venivano impiegati più di cento artisti, altamente specializzati e capaci di usare pennelli con un unico pelo.

Adriana Scalise

Venezia // fino al 1° aprile 2012
La Fotografia del Giappone (1860-1910). I Capolavori
a cura di Francesco Paolo Campione
Catalogo GAmm Giunti
ISTITUTO VENETO DI SCIENZE, LETTERE ED ARTI
Campo Santo Stefano 2842
199 199111
www.fotografiagiappone.it

CONDIVIDI
Adriana Scalise
Adriana Scalise lavora presso l'Archivio della Biennale di Venezia, laureata in Lingue Orientali (Arabo) e in Conservazione dei Beni Culturali (Storia dell'Arte) da oltre dieci anni nutre interesse nei confronti della Fotografia nelle sue varie declinazioni (storia, estetica e pratica fotografica). In qualità di ricercatrice indipendente collabora con diverse riviste del settore (Gente di Fotografia, Artribune, Fotostorica), partecipa a convegni e pubblica saggi (Verri, ed. Marsilio). Scrive poesie e da alcuni anni porta avanti un progetto fotografico dedicato a "se stessa".