Bianco albume

Oggetti quotidiani che, tolti dal proprio contesto e ingranditi, diventano altro. Diventano arte. Giovanni Felle è protagonista di una personale nella chiesa di San Francesco della Scarpa a Lecce. Fino all’11 marzo.

Giovanni Felle - Rosario - 2010

Oggetti di vita quotidiana estrapolati dal contesto ordinario. È questa la sostanza della mostra Album/Bianco di Giovanni Felle (Villa Castelli, 1971). Il colore, filo conduttore che accomuna le opere in esposizione, rimanda a un foglio bianco (albus in latino era il bianco dell’albume). Quasi come un Warhol dei nostri giorni, Felle rende pop oggetti comuni, mettendoli sotto una lente di ingrandimento, cristallizzandone significati e funzioni. Allestita negli spazi della chiesa di San Francesco della Scarpa a Lecce, la mostra ben si amalgama alla cornice che la accoglie: nella sala adiacente al santuario sono esposti oggetti d’uso quotidiano, mentre spostandoci all’interno della chiesa, le opere, dispose sugli altari, si avvicinano ai temi sacri.

Patrizia Capoccia

Lecce // fino all’11 marzo 2012
Giovanni Felle – Album/Bianco
a cura di Antonio Cassiano
EX CONVENTO DI SAN FRANCESCO DELLA SCARPA
Piazzetta Ex Convitto Palmieri
giovannifelle.bloog.it

CONDIVIDI
Patrizia Capoccia
Patrizia Capoccia (Lecce, 1984) ha studiato all’Università del Salento dove ha conseguito la laurea specialistica in Scritture Giornalistiche e Multimedialità, dopo aver completato gli studi presso la facoltà di Scienze della Comunicazione dello stesso ateneo. Lavora come redattrice al quotidiano ilpaesenuovo.it con una cura particolare per la sezione cultura e spettacoli. Si interessa in modo specifico alla scena musicale indie italiana attraverso le interviste ai protagonisti e i concerti. Appassionata di fotografia, frequenta corsi e partecipa a workshop. Il genere prediletto è il fotogiornalismo, oggetto, fra l’altro, della tesi di laurea specialistica. Nell’ultimo periodo si accosta anche alla fotografia di spettacolo documentando attraverso le immagini le esibizioni dal vivo in tutta la provincia leccese.